Sport

Follia Munoz, doccia gelata Hernanes: Palermo nel dramma

La Lazio inchioda i rosa: finisce 2-2, dopo che Miccoli e compagni avevano annusato l'impresa. Sotto di un gol, Rios e Dybala ribaltano il punteggio. Ma un errore difensivo fa sprofondare la squadra di Gasperini nella disperazione.

Le discese ardite e le risalite. La partita più folle del Palermo è un’altalena crudele che spinge i rosa verso la retrocessione: Miccoli e compagni pagano una follia di Munoz, a giochi quasi fatti. Finisce 2-2. E il rigore di Hernanes è una doccia fredda che gela le speranze rosanero. Sembrava un destino bello e impossibile quello che stava regalando i tre punti a Gasperini, adesso in forte dubbio. Tutto in un minuto. La stagione che cambiava all’improvviso. Quando meno te l’aspetti. Sulle ali della disperazione, dal coma più profondo alla resurrezione. Con la grinta di Rios, il più criticato: che aveva riattaccato il tubo dell’ossigeno a un Palermo moribondo. Proprio Rios, il primo marcatore stagionale. E Dybala, il picciriddo venuto dall’Argentina. Come Munoz, autore del patatrac fatale a pochi minuti dall’epilogo.

LE PAGELLE 

FLOCCARI-GOL - Petkovic annusa le debolezze del Palermo e piazza sei centrocampisti, contro la mediana rosanero, lenta, prevedibile e impaurita, e schiera una tanto robusta quanto inedita difesa a tre contro i leggeri Dybala-Ilicic-Miccoli. Le certezze di Gasperini crollano subito, prima del decimo giro di lancetta. Palla telecomandata di Ledesma che trova Floccari al limite dell’area. L’ex Atalanta stacca tra Von Bergen e Aronica e fredda Ujkani con una parabola lenta e assassina.

PAURA, ORGOGLIO E CONFUSIONE - Il Palermo è senza idee, confuso e tremebondo. La Lazio gioca sul velluto, cavalcando i nervi dell’avversario, tesi e sul punto di esplodere. La scossa arriva a metà tempo, quando Miccoli esalta i riflessi di Marchetti e Aronica, prima, e Garcia, dopo non sfruttano un batti e ribatti in area. Ma è un fuoco di paglia. Perché la Lazio riprende a dominare nella zona nevralgica del campo, con Ledesma che ricama e addormenta. Il Palermo prova a sfondare sul binario sinistro con Dossena ma i risultati non sono memorabili. Anzi, è Ujkani a evitare lo 0-2 distendendosi su una conclusione dal limite di Hernanes.

DRAMMA HERNANES - Nella ripresa Gasperini si gioca la carta Munoz, al posto di Aronica. Insomma come se la Ferrari per tornare a vincere decidesse di cambiare i citofonisti. E infatti non succede praticamente nulla. Fino a quando Rios raccoglie un cross di Dossena e appoggia in rete la palla del pareggio. Ma non c’è neanche il tempo di riordinare le idee. Perché Ilicic inventa un cross che scoperchia la difesa della Lazio, trova Miccoli, lesto a imbeccare Dybala che davanti a Marchetti non sbaglia. Poi il suicido firmato Munoz. E dire che Miccoli al 93' avrebbe l'occasione per il più rocambolesco dei 3-2, ma spara alto. Così il rigore di Hernanes potrebbe spingere domani il Palermo a -6 dal paradiso.


TABELLINO PALERMO-LAZIO 2-2
MARCATORI:
Floccari 10’ pt, Rios 25’ st, Dybala 26’st, Hernanes al 40’ st
PALERMO: Ujkani; Von Bergen, Aronica (Munoz dal 1’st), Garcia; Morganella (Anselmo dal 20’ st), Rios, Kurtic, Dossena; Ilicic (Malele dal 34’ st), Dybala; Miccoli
LAZIO: Marchetti; Biava, Ciani, Radu (Kozak dal 29' st); Cavanda (Candreva dal 28’ st), Cana, Ledesma, Hernanes, Lulic (Gonzalez dal 23’ st); Mauri; Floccari. 

AMMONITI: Garcia, Miccoli, Von Bergen (Palermo), Cavanda, Lulic, Cana (Lazio).

ARBITRO: Rocchi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Follia Munoz, doccia gelata Hernanes: Palermo nel dramma

PalermoToday è in caricamento