rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Sport

Quattro punture al Barbera: le Vespe sgonfiano l'effetto Filippi, il Palermo crolla in casa

In viale del Fante fa festa la Juve Stabia con un eloquente 4-2. Già dimenticata la vittoria nel derby: i rosanero passano subito con Luperini ma poi cedono alla distanza

E’ sempre lo stesso Palermo. Così come con Boscaglia, la squadra allenata da mister Filippi stecca l’appuntamento con il secondo successo consecutivo, ma lo fa facendosi ribaltare dalla Juve Stabia dopo aver trovato il vantaggio con Luperini nei minuti iniziali del match. Poi poco rosa e tanto nero: Berardocco prima e Fantacci e Marotta poi strapazzano per bene i rosanero, poker delle Vespe al Barbera, 4-2 il risultato finale. Se a Catania la differenza l’ha fatta la voglia di vincere, allora viene da proprio da chiedersi cosa sia accaduto quest’oggi alla squadra di mister Filippi, chiamata ad alimentare le ritrovate motivazione mercoledì scorso. Bene nel primo tempo, disastrosi nella ripresa: bastano 20’ di gioco alla Juve Stabia per archiviare la trasferta in Sicilia e pensare al prossimo impegno di campionato. Svanito in un nulla di fatto l’effetto Filippi. I rosanero torneranno in campo domenica prossima alle 12.30 sul campo della Paganese. 

Il Palermo si presenta al Barbera sperando di cavalcare l’onda della continuità. L’assetto tattico designato da mister Filippi infatti a tratti è lo stesso visto a Catania, così come l’atteggiamento iniziale che consentirà ai rosanero di portarsi in vantaggio dopo neanche cinque minuti di gioco. Cambiano invece gli interpreti: Almici si riappropria della corsia di destra (ma in versione esterno alto di centrocampo) Valente a sinistra preferito a Crivello. Confermati sia Silipo che Floriano nel tridente offensivo. Panchina per l’eroe del derby Santana, premiato prima del calcio d’inizio da Mirri per essere entrato nella storia di questi colori avendo segnato con la maglia rosa in tutti i campionati professionistici: “dal paradiso all’inferno” come recita uno striscione esposto dai tifosi allo stadio. 

FILIPPI2-2Una rete per parte nel primo tempo, più Palermo che Juve Stabia però nel complesso. La pressione costante sulla retroguardia degli ospiti, ripaga subito gli uomini di Filippi: bravo Luperini al 5’ di gioco a sradicare il pallone dai piedi del difensore dei campani e a battere Russo. Quarta rete in stagione per il trequartista toscano. Il gol non cambia l’inerzia del primo tempo, il Palermo dimostra di non essere sazio, monta le tende nella metà campo avversaria, aggrappandosi all’estro di Silipo e alla stazza di Lucca. I rosa sembrano avere in mano il pallino del gioco, poi il blitz improvviso degli uomini di Padalino con Berardocco: la conclusione dalla distanza del capitano degli ospiti infatti è una doccia gelata per mister Filippi, così come per Pelagotti, mai impegnato sino a quel momento. torna a far discutere l’estremo difensore dei rosanero dopo l’ottima prestazione nel derby. Assolutamente rivedibile il piazzamento in occasione del gol delle Vespe. 

Inizio di ripresa complicatissimo per il Palermo: dopo neanche due minuti gli uomini di Filippi sono costretti a inseguire. Ma sarà soltanto il preambolo della catastrofe. Leggerezza delle difesa dei rosanero, le Vespe hanno ampio spazio e affondano il colpo con Fantacci. Poi Filippi stravolge la formazione: dentro Santana, Somma e Crivello, fuori Silipo, Almici e Peretti. Ma per il Palermo si mette tutto in salita e la mazzata finale arriva prestissimo, al 66’ quando la Juve Stabia allunga con un rigore in movimento trasformato dal numero 10 Marotta. Palermo incredibilmente sotto di due reti. Lo stesso attaccante dei campani qualche minuto più tardi trova anche la personale doppietta calando il poker al Barbera. Inutile il gol di Luperini nei minuti conclusivi della partita. Pesa invece l'espulsione di Lucca qualche istante prima del triplice fischio, la giovane punta salterà il prossimo impegno con la Paganese. Le Vespe pungono Filippi al suo esordio al Renzo Barbera. 

Il tabellino di Palermo-Juve Stabia

PALERMO 2: Pelagotti; Peretti (51’Somma), Palazzi, Accardi (C.); Almici (51’ Crivello), Luperini, De Rose (81’ Broh), Valente (67’ Rauti); Silipo (50’ Santana), Floriano; Lucca. Allenatore: Filippi.
JUVE STABIA 4: Russo; Mulè, Esposito, Elizalde; Lia, Scaccabarozzi, Berardocco (C.) (77’ Caldore), Rizzo (76’ Sucio); Fantacci (61’ Borrelli); Marotta, Guarracino (62’ Bovo). Allenatore: Padalino
ARBITRO: Cristian Cudini (Fermo).
ASSISTENTI: Luca Dicosta (Novara) e Simone Teodori (Fermo).
MARCATORI: 5’ Luperini; 26’ Berardocco; 47’ Fantacci; 66’ Marotta; 70’ Marotta; 82’ Luperini
NOTE – Ammoniti: 23’ Peretti; 31’ Fantacci; 91’ Rauti. Espulsi: 95' Lucca

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro punture al Barbera: le Vespe sgonfiano l'effetto Filippi, il Palermo crolla in casa

PalermoToday è in caricamento