Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Tedino amaro: "Coronado ha commesso una sciocchezza, Posavec poteva fare di più"

Il tecnico analizza la sconfitta (seconda consecutiva) contro il Foggia: "Non mi sento di dare colpe a nessuno, si vince e si perde tutti insieme. Ho visto una squadra rientrata in campo con l’atteggiamento sbagliato". Bellusci: "Resto fiducioso in questa squadra"

Bruno Tedino in panchina

La sconfitta con l’Empoli è stata un preallarme, quella con il Foggia una sentenza: questa squadra non sarà di certo "l’ammazza campionato" di questa serie B. Il momentaneo vantaggio di Nestorovski ha illuso sia gli uomini di Tedino oltre che i 13 mila spettatori presenti al Renzo Barbera. Decisiva comunque l’espulsione di Coronado a 20 minuti dal termine della partita (si era ancora 1-0). "Il primo a sapere di aver fatto una vera e propria sciocchezza è Igor. L’espulsione – spiega Tedino in sala stampa al termine dei 90 minuti di gioco – ha sicuramente spostato gli equilibri del match, specialmente contro una squadra come il Foggia in grado di far girare benissimo il pallone. Dispiace tantissimo soprattutto perché non siamo riusciti a portare a casa un risultato positivo. Non riesco a capire come sia stato possibile che ad Avellino siamo riusciti a vincere 3-1 giocando in inferiorità numerica per gran parte della partita e questa sera invece in 20 minuti abbiamo preso due gol”.  

Palermo-Foggia 1-2: commenti e pagelle

L’espulsione di Coronado avrà pure inciso tantissimo, ma occhio all’errore di Posavec. Il tiro di Duhamel era centrale e anche se la palla schizza dopo aver toccato l'erba il portiere croato ha indubbiamente le sue colpe. “Quello che penso – confessa il tecnico rosanero – è che Posavec poteva sicuramente fare di più, ma non penso che abbia inciso più di tanto. Per portare a casa i tre punti i ragazzi dovevano giocare per 90 minuti da squadra e così non è stato. Non mi sento di dare la colpa a nessuno, si vince insieme e si perde insieme. Quello che posso dire è che sono pronto a fare da scudo prendendomi tutte le responsabilità cercando di trovare le soluzioni più adatte per uscire da questo momento”.

Palermo-Foggia 1-2, gol e highlights | Video

E' un po’ come la crisi di mezza età. Proprio a metà campionato infatti il Palermo sta perdendo tutte quelle certezza raccolte nel girone d’andata. I due ko consecutivi contro Empoli e Foggia hanno di fatto ridimensionato gli uomini di Tedino che in meno di due settimane hanno perso consapevolezza e  primato in classifica. “Se dovessi per un solo secondo fare un confronto con quanto fatto nel girone d’andata mi accorgerei che in questo momento abbiamo un solo punto meno. E' chiaro però che qualcosa è cambiato. I primissimi minuti del secondo tempo sono stati davvero opachi. Ho visto una squadra rientrata in campo con l’atteggiamento sbagliato. Questi non sono problemi tattici, ma mentali. Nel primo tempo invece – confessa Tedino – ho visto un buon gioco, proprio come piace a me. Bisogna sicuramente lavorare tantissimo per poter ripartire più forti e determinati di prima”.

Una sconfitta arrivata proprio nel momento più bello. Domenica l’attestato di stima dei tifosi al campo d’allenamento, poi i 13 mila spettatori al Renzo Barbera per incitare la squadra. “Una delle cose che mi dispiace di più è proprio il fatto di aver perso davanti a cosi tanti tifosi. Sono molto rammaricato e come me anche la squadra. Non riesco davvero a spiegarmi un risultato del genere e spero che i tifosi alla fine possano apprezzare l’impegno che questi ragazzi hanno messo in campo questa sera. Sicuramente non abbiamo reso felici i nostri sostenitori”.  

Quella che un tempo era la miglior difesa del campionato  in due partite è riuscita a prendere ben sei gol. Un’involuzione che rispecchia in pieno il momento che sta attraversando il Palermo. Lo sa bene Bellusci che al termine della partita ha voluto però sottolineare quanto le due sconfitte contro Empoli e Foggia siano totalmente diverse. “Contro i toscani abbiamo sicuramente meritato di perdere, giocando una partita decisamente sotto tono. Oggi invece non penso che il risultato rispecchi quanto visto in campo. Penso che non ci siano i presupposti per condannare la squadra anche perché – aggiunge il difensore rosanero – con l’espulsione di Coronado abbiamo chiaramente perso campo non riuscendo più a esprimere il nostro tipo di gioco”.  

Empoli e Frosinone a 46 punti, la vetta adesso dista 3 punti. “Al di là di questo momento – confessa Bellusci – io resto molto fiducioso e sono pienamente convinto delle potenzialità di questa squadra. Le prime due della classe sono molto forti: l’Empoli sapevamo già dall’inizio che sarebbe stata una corazzata che ha soltanto arrancato un po’ all’inizio, ma pian piano è riuscita ad esprimere il suo gioco. Il mercato di gennaio  inoltre li ha rinforzati tantissimo e chiaramente diranno la loro da qui al termine del campionato. Stesso discorso per il Frosinone. Noi però siamo altrettanto forti e lavorando intensamente torneremo a recitare un ruolo importante”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tedino amaro: "Coronado ha commesso una sciocchezza, Posavec poteva fare di più"

PalermoToday è in caricamento