Le lacrime di Bellusci: "Siamo soli e così non va bene, di chi è il Palermo?"

Il clamoroso sfogo del difensore nel post-partita col Foggia (0-0). Dopo il 90' ha avuto un botta e risposta con alcuni tifosi in tribuna: "Non abbiamo alcuna garanzia, che futuro ci aspetta? Se c'è da andare a casa preferisco farlo a testa a alta. Vogliamo la Serie A ma qualcuno sta provando a farcela perdere nuovamente"

Giuseppe Bellusci

"Così non va bene, la squadra è sola e senza alcune garanzie. Che futuro ci aspetta? Di chi è in questo momento il Palermo?". Rabbia, delusione, frustrazione e tanto rammarico: c’è questo e altro nelle lacrime, ma soprattutto nelle parole rilasciate a caldo da Giuseppe Bellusci nel post-partita col Foggia. Il difensore, protagonista di un infelice botta e risposta con i tifosi al termine del match, ha voluto metterci la faccia per fare da scudo alla squadra (quasi come fosse un capitano d’altri tempi) presentandosi in mixed zone davanti ai cronisti e alle telecamere.

"Sei un cretino": insulti a Bellusci | VIDEO

Una centrifuga di sensazioni e di umori che hanno impedito a Bellusci di tenere a “freno” la lingua, arrivando perfino a puntare il dito contro la gestione malsana della società: “Se c'è da andare a casa preferisco farlo a testa a alta. Vogliamo la Serie A ma qualcuno sta provando a farcela perdere nuovamente”. 

Palermo-Foggia 0-0, cronaca e pagelle

Tanta sostanza, tanto cuore ma poca concretezza: il Palermo non vince e sbatte anche sul Foggia e il Barbera continua a essere sempre più desolato (soltanto mille spettatori). Arrivano adesso anche le dichiarazioni pesanti e pungenti di Bellusci. “Col Foggia abbiamo dato un segnale forte ai tifosi, abbiamo dimostrato di essere una squadra vera, che al di là di tutto remiamo sempre e comunque dalla stessa parte in cui remano direttore e allenatore. Gli unici che ci stanno proteggendo da tutto questo caos sono Foschi e Stellone e noi abbiamo risposto sul campo. Questo gruppo sta dando davvero  tutto, talmente tanto da essere arrivati in questa partita a macinare chilometri su chilometri . Tutto questo non può che significare soltanto una cosa, che nonostante al momento non ci sia alcuna garanzia, non abbiamo mai perso la voglia di vincere e di lottare. La gente dice che finché prendiamo gli stipendi possiamo stare tranquilli ma non è così, quello che mi chiedo è che futuro e quali prospettive ci aspettano  Che futuro per il Palermo? Di chi siamo?“.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domande che a questo punto potrebbero continuare a non trovare risposte. Così Bellusci, consapevole di quanto possano costargli queste bordate rivolte alla società, decide di asciugarsi le lacrime per continuare a rincarare la dose. “Mi assumo tutte le responsabilità di quello che sto dicendo – continua – anche perché  se c’è da andare a casa preferisco farlo decisamente a testa alta. Io ci metto la faccia oltre che il cuore, se sono un problema allora meglio che vado a casa. Voglio vincere il campionato, voglio la Serie A che ho perso lo scorso anno e che qualcuno sta provando a farci perdere anche quest’anno. Dobbiamo essere tutti uniti, tifosi, giocatori e anche giornalisti, tutti ci devono dare una mano. Quello che mi sento di dire alla città è che per raggiungere la promozione serviranno anche i 35 mila del Renzo Barbera. A fine partita ho sicuramente esagerato prendendomela con i tifosi, ma il messaggio che volevo fare passare è che non penso sia giusto fischiare questa ragazzi, specialmente - conclude -  in un momento così delicato" .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento