Clausole vessatorie negli abbonamenti: Palermo e altri 11 club diffidati

Lo rende noto il Movimento Consumatori: riscontrati profili di illegittimità. Il riferimento è alle esclusioni e limitazioni dei rimborsi e al risarcimento del danno in caso di disputa di partite a porte chiuse, squalifiche o chiusure di settori dello stadio

C'è anche il Palermo tra le società di calcio diffidate dal Movimento Consumatori per l'esistenza di clausole vessatorie nelle condizioni di abbonamento stagionale. Il club rosaneri, assieme a Roma, Lazio, Atalanta, Torino, Sampdoria, Novara, Pro Vercelli, Fiorentina, Napoli e Bologna, dopo un'analisi delle condizioni di abbonamento (stagione 2017/2018 e, se già pubblicate, stagione 2018/2019) è risultato avere alcuni parametri in contrasto con il Codice del consumo.

Il monitoraggio è successivo all’avvio di un’azione giudiziaria, in corso presso il tribunale di Torino, nei confronti della Juventus, a seguito del mancato rimborso ai tifosi della curva della quota di abbonamento della partita Juventus-Genoa del 21 gennaio 2018, chiusa a seguito di un provvedimento della Giustizia sportiva.

"I profili di illegittimità riscontrati nelle condizioni di abbonamento degli 11 club di Serie A, B, C - si legge nel comunicato diffuso dal Movimento Consumatori - sono principalmente riferibili a esclusioni o limitazioni dei rimborsi e del risarcimento del danno, in caso di disputa di partite a porte chiuse, squalifiche o chiusure di settori dello stadio. Talvolta addirittura anche quando la società stessa è responsabile dei fatti che hanno determinato il mancato accesso allo stadio per il tifoso".

“La nostra azione nasce dall’esigenza di tutelare i tifosi-consumatori”, spiega Marco Gagliardi del servizio legale di MC, “che sostengono già ingenti costi per l’acquisto degli abbonamenti e per le trasferte e hanno diritto al pieno rispetto di quanto previsto dal Codice del consumo. Auspichiamo che le società vadano incontro ai propri tifosi, che costituiscono non solo un “asset” delle stesse società calcistiche, ma il dodicesimo giocatore e una ricchezza per il calcio italiano”.

L’Associazione ha chiesto alle società di provvedere immediatamente alla rimozione delle clausole vessatorie dagli abbonamenti. In caso le società non provvedano, le diffide si trasformeranno in azioni giudiziarie inibitorie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento