Sport

Mazzotta-gol, pari Palermo al Barbera: ma la Cremonese prende due traverse nel recupero!

Pirotecnico 2-2 tra i padroni di casa e i grigiorossi. Apre nel primo tempo un eurogol di Trajkovski, nella ripresa Strefezza (paperissima di Brignoli) e Mogos la ribaltano. Nel finale l'esterno palermitano segna e gli ospiti sfiorano il colpo grosso

Trajkovski fa partire il tiro dell'1-0 - foto Fucarini

Centrare due volte la traversa nei minuti di recupero in due azioni diverse: c'è riuscito Carretta, onesto attaccante della Cremonese. E basta questo record per far capire che al Palermo stasera è andata più che bene. Il 2-2 del Barbera non rende giustizia agli uomini di Mandorlini che avrebbero meritato probabilmente di più. Tedino acciuffa il pari all'88', dopo aver dilapidato il vantaggio ottenuto con un eurogol di Trajkovski nel primo tempo ed essersi fatto ribaltare nella ripresa. Ma c'è poco da sorridere. L'allenatore è già in bilico, non si vedono miglioramenti rispetto a un anno fa, la squadra è spaesata e non sa cosa fare col pallone tra i piedi.

In più c'è un altro grande problema. Qualche mese fa c'era Posavec, oggi c'è Brignoli. Se lo scricchiolio di Salerno era stato un segnale inquietante, anche stasera il portiere goleador ha cucinato un'altra frittata che nessun fuorigioco stavolta ha cancellato e ha dato il la alla rimonta cremonese. Altro che corazzata. Questo Palermo fatica a ingranare e la sensazione è che occorra una sterzata veloce per non ingrigire una stagione partita con i peggiori auspici. Squadra lenta e prevedibile, sulla falsariga di quello che aveva fatto vedere Tedino un anno fa (e una settimana fa). 

Il Palermo non gira, vivacchia sulle iniziative personali, trova qualche sfogo sulle corsie esterne ma finisce sempre per appiattirsi in mezzo per poi sbattere nella solita ragnatela di passaggi brevi e orizzontali nella metà campo. Peggiore in campo Brignoli, già tremebondo in qualche uscita e poi dormiente sul cross di Strefezza che si trasforma in gol. Male anche la difesa, discreti gli esterni a tutta fascia, opaco Jajalo, totalmente fuori condizione Falletti. Migliore in campo Murawski, il più tonico del Palermo, piace anche Puscas, poco ma preciso ma sempre velenoso. Incoraggiante lo spicchio di gara di Nestorovski.

Non sembra scintillante - per usare un eufemismo - il 3-4-2-1 di Tedino che è andato a sbattere sin da subito sul roccioso 4-1-4-1 di Mandorlini, con Castagnetti a fare da diga e regia e un centrocampo che è un mix di muscoli e idee. Proprio la linea mediana grigiorossa ha avuto la meglio sul reparto avversario per tutti e 90 minuti. Palermo al rallenty e capace di accendersi solo in contropiede. Dopo 26 minuti di nulla è stata un'invenzione di Trajkovski a sbloccare lo 0-0: destro a giro e palla all'incrocio là dove Radunovic non può arrivare. Il vantaggio - invece di gasare i rosanero - ha avuto l'effetto di far rintanare il Palermo nella sua metà campo. Palla sempre tra i piedi cremonesi, e ospiti - che reclamano un rigore per un tocco sospetto di Rajkovic - vicini al gol con Castagnetti e Arini. Il dominio lombardo è interrotto solo da un'iniziativa solitaria di Puscas, bravo a farsi largo nella difesa avversaria e calciare di prima intenzione senza però centrare la porta.

La ripresa sembra un copione già scritto e visto un anno fa ma è un'impressione sbagliata. Claiton fa le prove del gol in apertura e di testa manda a lato quando il più sembrava fatto. Inizia la girandola di cambi. E delle emozioni. Perché da qui in poi succede quasi di tutto. Puscas, ben imbeccato da Haas, spreca davanti a Radunovic. E' quasi un caso: pochi attimi dopo la Cremonese trova il pareggio con il brasiliano Strefezza, appena entrato, grazie a un paperone di Brignoli che non legge un cross sballato e diretto verso la porta e si fa infilzare. E' la metà esatta della ripresa. La partita è aperta, ma a volerla vincere sembra solo una squadra, e non è il Palermo. Esce Puscas, entra Nestorovski. A 8 minuti dalla fine cala il gelo sul Barbera. Spiovente di Castagnetti su calcio d'angolo, difensori rosa fermi, Mogos svetta più in alto di tutti e batte Brignoli. 

Partita finita? Neanche per sogno. Nestorovski di testa costringe Radunovic alla parata dell'anno: il colpo di reni del portiere toglie la palla dall'incrocio. Mentre stanno per scorrere i titoli di coda il figliol prodigo Mazzotta corregge una respinta progiosa di Radunovic (ancora lui) su conclusione di Moreo e va a esultare sotto la Sud. Mancano due minuti alla fine. Carretta al 90' inizia a prendere confidenza con la traversa, scheggiando il legno con una sassata da fuori. Squadre lunghissime alla ricerca della vittoria in extremis, Haas si trova davanti a Radunovic e si fa murare il 3-2. All'ultimo respiro, col Palermo tutto sbilanciato in avanti (ma la difesa dov'era?), Carretta si tuffa - da solo - su un'autostrada di 50 metri, arriva davanti a Brignoli e spara ancora sulla traversa. Finisce 2-2, ma forse non è giusto così.

TABELLINO

PALERMO-CREMONESE 2-2

MARCATORI: Trajkovski 26', Strefezza 64', Mogos 82', Mazzotta88'
PALERMO 2. Brignoli 4,5, Szyminski 5 (52' Haas 6), Bellusci 5,5, Rajkovic 5, Salvi 6, Murawski 6,5, Jajalo 5, Mazzotta 6,5, Trajkovski 6,5, Falletti 5 (73' Nestorovski 6,5), Puscas 6,5 (79' Moreo 6). Allenatore: Tedino 5

CREMONESE 2. Radunovic 7,5, Mogos 7, Claiton 6, Terranova 6, Migliore 6, Castagnetti 6 (91' Kresic s.v.), Boultam 5 (56' Carretta 5,5), Emmers 5,5, Arini 5,5, Perrulli 6 (64' Strefezza 6,5), Brighenti 5,5. Allenatore: Mandorlini 6,5

AMMONITI: Haas, Bellusci, Mazzotta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzotta-gol, pari Palermo al Barbera: ma la Cremonese prende due traverse nel recupero!

PalermoToday è in caricamento