Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Palermo-Carpi, le probabili formazioni: Rajkovic titolare, attacco affidato a La Gumina

Nonostante le assenze mister Tedino non vuole piangersi addosso in vista della sfida al Renzo Barbera contro una squadra che non prende gol da 4 partite: "Importante la prestazione, ma conta anche la sostanza". Porta affidata a Pomini, niente tandem in attacco

Slobodan Rajkovic mentre affronta l'attaccante del Napoli Arkadiusz Milik - foto Ansa

Fra le varie assenze dei Nazionali e qualche infortunio di troppo, anche questa volta Tedino dovrà cercare di tirare fuori la squadra vincente da una situazione non semplice per centrare i 3 punti contro un Carpi in piena zona playoff. Durante la settimana però è arrivata anche qualche buona notizia: è il caso del gigante serbo Rajkovic che, ieri pomeriggio, ha finalmente preso parte a tutta la seduta d’allenamento senza alcun tipo di lavoro differenziato. In avanti invece c’è da stringere i denti. Poca, pochissima scelta: o Moreo o La Gumina. Rischioso schierarli entrambi dal primo minuto, meglio percorrere la strada della prudenza.

Non piangersi addosso per le assenze è un'ottima strategia, è chiaro però che Tedino avrebbe preferito giocarsi il match di domani con tutti i suoi giocatori a disposizione. Specialmente se il tuo avversario si chiama Carpi, squadra in forma che non perde da quattro partite consecutive e che proprio qui al Renzo Barbera non è mai uscita sconfitta. Un pareggio in Serie A nel 2015 e un clamoroso successo di fronte a un Palermo stellare targato Iachini che non perdeva da ben 20 partite. Prima però Tedino ha voluto chiudere il capitolo "oggetto volante misterioso" avvistato a Novara.

"Per qualche giorno non sono stato benissimo, ho avuto qualche difficoltà. Le persone maleducate - ha detto il tecnico rosanero in sala stampa - si trovano dappertutto. Queste però sono cose che non dovrebbero assolutamente accadere". Da un male all’altro: tante, tantissime assenze. "Per tutta la settimana molti giocatori, come ad esempio Dawidowicz e Szyminski e altri, hanno accusato diverse problematiche. Sono sicuro che chiunque scenderà in campo darà il massimo perché questa è gente che vuole superare l’ostacolo, sempre e comunque. È un onore per me poter allenare questi ragazzi. Gente che non ha giocato tantissimo, si è sempre allenata con il massimo impegno come i polacchi o Fiordilino. I report degli allenamenti del ragazzo palermitano - confessa - mi hanno sempre fatto dormire sonni tranquilli".

Quattro risultati utili consecutivi, 44 punti in classifica e una difesa che non prende gol da 360 minuti. Attenzione al Carpi di mister Nicola Calabro. "Sappiamo quanto sarà dura domani. È una squadra che non prende gol da quattro partite e verrà qui per centrare i tre punti. Un gruppo molto organizzato che concede pochissimo agli avversari. Per farla breve sarebbe una partita difficile anche se fossimo al completo. Questo è uno di quegli impegni che andrà oltre la possibilità del singolo e del gruppo. Abbiamo perso troppi punti negli ultimi minuti e questo è molto grave. Sarà importante la prestazione, ma conta anche la sostanza. Quello che dobbiamo assolutamente evitare e di essere preoccupati per via delle assenze. Dobbiamo giocare liberi senza alcun pensiero per la testa".

Tedino domani dovrà letteralmente ridisegnare l'undici titolare. Niente coppia d’attacco e una difesa orfana di Struna e Bellusci. Per i rosa però è stata una settimana difficile e a dirlo è lo stesso allenatore. "Dobbiamo essere realisti. Abbiamo veramente lavorato a singhiozzo - spiega - sia dal punto di vista numerico sia per le condizioni climatiche. Non siamo riusciti a trovare la giusta intensità lavorativa. Speriamo di poter fare affidamento su Rajkovic visto che quando ho deciso di mandarlo in campo con Perugia e Ascoli mi ha sempre dato risposte positive. Quando lo vedo penso a un uomo, un vero e proprio punto fermo per questa squadra".

Arriva la Primavera, sbocciano i fiori e con loro qualche gioiello della cantera palermitana. "Santoro e Rizzo - ha spiegato il tecnico - andranno in panchina con noi. Purtroppo non ci sarà Gallo a causa di un infortunio. Al suo posto verrà convocato Guddo come terzo portiere. Vorrei cambiare poco domani dal punto di vista dell’assetto tattico, quindi continuando con le due punte in avanti. Il problema - confessa - è che Moreo non è al massimo per via del problema al pube. Deciderò nelle prossime ore se giocare con un solo attaccante e con un folto numero di giocatori a ridosso, oppure affidarmi alle solite due punte".

A questo punto della stagione ogni singolo punto può fare la differenza. Dodici partite alla fine del campionato, con l’Empoli distante 6 punti e il Frosinone dietro l’angolo a tre passi dai rosa. Per Tedino è ancora tutto da scrivere. "In palio ci sono ancora 36 punti. Non sarà semplice per noi ma neanche per l’Empoli. Ci sono tantissime squadre che lotteranno fino alla fine con i denti e con le unghia. Considerando il girone d’andata credevo che la quota 77 punti potesse significare promozione diretta, mentre in questo momento invece penso che ne basti anche qualcuno in meno. A fare la differenza alla fine sarà il lavoro: chi avrà quella capacità mentale di andare oltre la fatica riuscirà ad essere avanti rispetto agli altri".

Qui Palermo

Vietato fallire. L’impegno di domani (calcio d’inizio alle ore 15) è uno di quei test che può cambiarti l’esito di una stagione. Peccato però che Tedino dovrà fare a meno di Nestorovski, Chochev e altri. Cambio di modulo? Alla fine il tecnico rosanero potrebbe anche cucire un abito diverso al suo Palermo affidandosi al 3-5-1-1. Rajkovic, Dawidowicz e Szyminski in difesa. A centrocampo Rispoli a destra e Rolando a sinistra, con il terzetto Murawski, Jajalo e Gnahorè. Coronado alle spalle dell’unica punta che con ogni probabilità sarà La Gumina.

Qui Carpi

Modulo a specchio anche per il club biancorosso. 3-5-1-1 con l’ex rosa Colombi fra i pali. In avanti Melchiorri con Malcore sulla trequarti. Capela, Poli e Ligi a comporre la difesa blindata che non prende gol da quattro partite. Mister Calabro dovrà fare a meno di Mbakogu e Belloni.
PROBABILI FORMAZIONI

PALERMO 3-5-1-1: Pomini; Dawidowicz, Rajkovic, Szyminski; Rispoli, Murawski, Jajalo, Gnahoré, Rolando; Coronado; La Gumina.

CARPI 3-5-1-1: Colombi; Capela, Poli, Ligi; Di Chiara, Verna, Sabbione, Garritano, Pasciuti; Malcore; Melchiorri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo-Carpi, le probabili formazioni: Rajkovic titolare, attacco affidato a La Gumina

PalermoToday è in caricamento