Consiglieri comunali: "Palermo come Barcellona, sì all'azionariato popolare"

Così Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando e Marcello Susinno (Sinistra Comune): "Bisogna salvare la società dai rischi di fallimento e serve l'impegno di tutti i palermitani"

"La squadra di calcio del Palermo è patrimonio della città e di tutti i suoi cittadini, indipendentemente dal tifo o dalla passione per lo sport. Infatti, i risultati della squadra incidono in modo rilevante sull'economia e sulla tenuta sociale dell'intera comunità cittadina". Lo dicono i consiglieri comunali di Palermo di Sinistra comune, Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando e Marcello Susinno.

I consiglieri aggiungono: "Bisogna salvare la società di calcio del Palermo dai rischi di fallimento e serve l'impegno di tutti i palermitani: per questa ragione proponiamo di promuovere una campagna di azionariato popolare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Esistono esempi virtuosi di partecipazione popolare alla scelte dei club di calcio - concludono -. Il più famoso è quello di Barcellona, che conta quasi 180.000 soci, che hanno contribuito a posizionarlo ai vertici del calcio mondiale. Palermo come Barcellona, anche nel calcio, può essere una realtà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento