Ahi Palermo, non C siamo: l’Avellino sbanca il Barbera, terza partita senza gol

Non è bastata una buona prestazione del centrocampo di Boscaglia. Finisce 0-2: a segno i "lupi" D'Angelo, palermitano d'origine, e Fella. Salta all'occhio la presenza, fra gli undici rosa titolari, di quattro giocatori under 20. Domenica prossima si gioca Bisceglie-Palermo

Il momento del gol di D'Angelo

Cercava conferme Boscaglia dopo la buona prestazione di Terni e invece il primo pomeriggio dei rosanero in un Barbera deserto per via dell’emergenza Covid-19 si spegne fra mille incognite e domande che, almeno per ora, sono destinate a non avere risposte. Il gol di D’Angelo nel primo tempo e il blitz di Fella nella ripresa condannano il Palermo alla seconda sconfitta di questa stagione: l'Avellino vince 2-0. Un passo avanti e due indietro. Adesso Boscaglia dovrà fare i conti con i numeri, deludenti, di questi primi tre impegni di campionato. La solita buona prova del centrocampo non basta, perché a pesare come un macigno in queste due disfatte dei rosanero sono sicuramente le zero reti segnate e le pochissime occasioni da gol create in 270 minuti di gioco. Boscaglia dovrà inventarsi qualcosa, magari a partire dal prossimo match del Palermo, in programma domenica prossima contro il Bisceglie. 

Nel 3-5-2 designato da mister Boscaglia c’è spazio per tante conferme ma anche per qualche piccola novità. Come il cambio a ridosso del fischio iniziale, che ha visto Accardi avere la meglio su Marconi. E salta subito all’occhio il fatto che in campo, nell’undici titolare, ci siano ben quattro giocatori under 20. Doda (costretto dopo 30’ di gioco a lasciare il terreno di gioco), Peretti in difesa e la coppia Rauti-Lucca in attacco, tandem già rodato quando entrambi indossavano la stessa casacca del Torino. Qualità e quantità in mezzo al campo per il tecnico rosanero con Luperini subito titolare al fianco di Broh e Odjer. Ed è proprio dai suoi centrocampisti che il Palermo proverà a costruire la sua partita, presenti sia in fase di ripartenza che il più delle volte anche in quella di ripiegamento. Nel 3-5-2 di Braglia, oltre a Silvestri, a centrocampo c’è spazio anche per l’altro palermitano, Sonny D’Angelo, e per Rizzo nelle battute finali del match.

È stato proprio un palermitano, Sonny D’Angelo a decidere il primo tempo e a ribaltare così le sensazioni maturate dopo i primissimi minuti di gioco. Il Palermo infatti sembrava essere partito meglio degli avversari cercando i centimetri di Lucca, l’esplosività di Rauti, ma soprattutto aggrappandosi all’onnipresenza dei propri centrocampisti. Eppure sono stati gli ospiti a trovare il gol del vantaggio, sfruttando l’unica vera occasione del primo tempo grazie a un destro vincente di D’Angelo. Boscaglia è stato costretto a giocarsi la prima carta dalla panchina: fuori Doda (non al meglio) e dentro Kanoutè. L’ingresso dell’ex Catanzaro ha cambiato la forma ma non la sostanza: gli uomini di Boscaglia durante infatti hanno cercato di alzare il ritmo, provando a scardinare la difesa biancoverde, senza però portare a casa i risultati sperati.

Nel corso della ripresa il Palermo ha dato ancora una volta la sensazione di partire con il piglio giusto, rendendosi pericoloso due volte nel giro di pochi secondi. Prima con una bellissima iniziativa sulla corsia di destra che per poco non regalava a Lucca la prima gioia di questa stagione e poi con Accardi, che se non fosse stato per il fuorigioco avrebbe riportato i suoi compagni sul risultato di parità. Poi però l’Avellino è riuscito a sfruttare un'incomprensione difensiva dei rosanero e ad allungare grazie al destro vincente di Fella. A questo punto Boscaglia ha deciso di giocarsi il tutto per tutto mandando in campo Santana e Saraniti al posto di Broh e Lucca. Il Palermo cambia in corso d'opera, prova ad alzare il baricentro per rimettersi in carreggiata, ma l’Avellino dimostra ancora una volta di saper contenere le fievoli ripartenze rosa. Nei minuti finali del match in campo si è visto anche Silipo, ma sono stati ancora un volta gli ospiti a sfiorare il gol con una conclusione di Maniero uscita di poco al lato della porta difesa da Pelagotti. Il triplice fischio è arrivato senza nessun altro acuto dei rosanero. L'Avellino fa festa al Barbera.

Il tabellino di Palermo-Avellino 

Marcatori: D’Angelo 20’; Fella 56.

PALERMO: Pelagotti, Peretti, Lancini, Accardi (C); Doda (Kanoutè 29’), Luperini, Odjer, Broh (Santana 63’), Valente; Rauti (Silipo 72’), Lucca (Saraniti 63’). All. Boscaglia.

AVELLINO: Forte; L. Silvestri, Miceli, Rocchi; Ciancio Rizzo (80’), De Francesco, D’Angelo, Aloi (Silvestri 63’), 24 Burgio (Tito 51’) ; Fella (Bernardotto 79’), Santaniello (Maniero 51’). All. Braglia.

ARBITRO: Matteo Marcenaro

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ammoniti: Odjer 15’; Luperini 31’; Aloi 61’; Ciancio 66’; Tito 77’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento