menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le condizioni attuali del Palasport

Le condizioni attuali del Palasport

Rinasce il Palazzetto dello Sport allo Zen: "E' una priorità nazionale"

L'annuncio è arrivato da Sergio D'Antoni, presidente del Coni Sicilia: "L'impianto di fondo Patti è stato inserito nel piano pluriennale di 100 milioni di euro per la realizzazione di strutture sportive nei quartieri difficili"

Il Palazzetto dello Sport dello Zen entra nelle priorità nello stanziamento nazionale per la riqualificazione degli impianti sportivi nelle aree depresse delle maggiori città italiane. Lo evidenzia in una nota Sergio D'Antoni, presidente del Coni Sicilia: "Il piano pluriennale di 100 milioni di euro per la realizzazione di impianti sportivi nei quartieri difficili è uno straordinario passo e una grande sfida culturale, che finalmente identifica lo sport come un volano irrinunciabile di coesione e di sviluppo". Per quanto riguarda i primi 20 milioni stanziati, ricorda D'Antoni, "siamo riusciti ad includere tra le priorità nazionali il Palazzetto dello Sport dello Zen di Palermo: un obiettivo che il capoluogo siciliano attendeva da anni. I restanti 80 milioni, saranno ripartiti in un piano pluriennale che prevede la riqualificazione di altre importanti strutture siciliane".

L'impianto intanto è inutilizzato dal 2008 a seguito dei danni provocati dal vento alla copertura. Un’eternità. Adesso sembra arrivato il momento di rompere l’incantesimo. Una volta alzato il sipario il Palasport, oggi totalmente devastato, sarà rimesso a nuovo. La “versione 2.0” dovrebbe avere una capienza di 5 mila posti (un migliaio in più rispetto al progetto originario) e sarà multifunzionale. Insomma, non solo sport, come succedeva in passato, ma anche concerti e manifestazioni.

D'Antoni spiega: "E' un'opportunità formidabile e un radicale cambio di marcia rispetto all'impostazione dei governi precedenti. Si dà concretezza a un piano capace di mettere in moto processi di crescita nelle zone a più alto tasso di inoccupazione, dispersione scolastica, depauperamento sociale. E lo si fa adottando la giusta impostazione partecipativa, indicando la necessità di allargare il campo delle responsabilità, con interventi decisi in pieno concerto con il Coni. Diamo così concretezza alle linee programmatiche della presidenza Malagò, che dal primo giorno di insediamento ha puntato su progetti capaci di coniugare la pratica sportiva con lo sviluppo e la promozione della cultura solidarietà. Raccogliamo questo risultato - conclude il presidente regionale del Coni - con grande soddisfazione e la consapevolezza delle enormi potenzialità sociali offerte dal mondo dello Sport".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento