Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Il Palasport rinasce, il Coni promette: "Pronto entro il 2016"

Vertice con il Comune. Delineato cronoprogramma per il recupero del palazzetto, con l'impegno di rimetterlo pienamente in funzione. Particolare attenzione è stata data alla necessità di individuare spazi in spiaggia per ospitare impianti che rilancino gli sport di mare

Sfumato il sogno di diventare capitale europea dello sport, Palermo ci riprova e si rimbocca le maniche. La promessa rimbalza sul parquet disastrato del Palasport di fondo Patti: "Entro il 2016 sarà rimesso a norma". Ad annunciare il recupero della struttura è stato il neo presidente del Coni regionale, Sergio D'Antoni. Il progetto è stato apparecchiato in una riunione tra una delegazione del Comune guidata dal sindaco Leoluca Orlando e il comitato olimpico siciliano. Presenti alla riunione l’assessore al Bilancio, Luciano Abbonato, e il responsabile allo Sport, Cesare Lapiana. Questi i punti: la messa a norma dell'impiantistica sportiva palermitana con la gestione alle federazioni sportive competenti, un piano per l’individuazione di nuovi spazi per l’attività sportiva.

E' stato delineato un cronoprogramma per il recupero del palazzetto, con l’impegno di rimetterlo pienamente in funzione in fretta. Entro cioè l'anno prossimo. L'impianto intanto è inutilizzato dal 2008 a seguito dei danni provocati dal vento alla copertura. Un’eternità. Per il Comune è arrivato il momento di rompere l’incantesimo. Una volta alzato il sipario il Palasport, oggi totalmente devastato, sarà rimesso a nuovo. La “versione 2.0” avrà una capienza di 5 mila posti (un migliaio in più rispetto al progetto originario) e sarà multifunzionale. Insomma, non solo sport, come succedeva in passato, ma anche concerti e manifestazioni.

Per quello che riguarda invece gli altri impianti, è stato stabilito l’obiettivo di renderli pienamente agibili e a norma nel più breve tempo possibile per poi affidarli in concessione alle federazioni sportive competenti. Il sindaco Orlando, in qualità di presidente regionale Anci, ha manifestato l'intenzione di proporre anche agli altri comuni siciliani un simile modello di gestione. Si è inoltre deciso di realizzare un piano per individuare e costruire nuovi spazi per l’attività sportiva, coinvolgendo gli istituti scolastici e le loro strutture. Discorso che merita un capitolo a parte. Perché particolare attenzione è stata data alla necessità di individuare spazi di spiaggia idonei ad ospitare impianti che rilancino gli sport di mare. Alla fine del vertice Coni e Comune hanno stabilito di aggiornarsi periodicamente per potere monitorare nel migliore dei modi l’avanzamento dei lavori e garantire così la realizzazione dei cronoprogramma in tempi certi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palasport rinasce, il Coni promette: "Pronto entro il 2016"

PalermoToday è in caricamento