menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Tedesco

Giovanni Tedesco

Allenatore Palermo, sfida tra ex picciotti: non solo Bucaro, spuntano Tedesco e Pergolizzi

Intanto Mirri vola a Milano per iscriversi al campionato di Serie D. La Covisoc avrà tempo fino a mercoledì per dare l’ok alle 160 squadre che parteciperanno al torneo. Poi si inizierà a fare sul serio con l’organizzazione dei gironi. C'è il ritorno di Rosario Argento nel settore giovanile

La Hera Hora vola a Milano per iscriversi al campionato di Serie D, mentre Sagramola prova a mettere insieme i pezzi del nuovo puzzle. No a Laneri per il ruolo di direttore sportivo: avanza prepotentemente la candidatura di Renzo Castagnini, un profilo conosciuto e tanto apprezzato da Rinaldo Sagramola. Rebus allenatore: Bucaro è in pole, ma attenzione alle alternative Tedesco, Sottil e soprattutto Pergolizzi. E intanto a Palermo c’è tempo anche per un gradito ritorno: quello di Rosario Argento nel settore giovanile. Con lui la Primavera vinse lo scudetto nel 2009. 

Iscrizione al prossimo campionato di D

Primo banco di prova superato per la Hera Hora. O almeno così sembra. Il Palermo si iscriverà al prossimo campionato di Serie D e dunque non ci sarà alcun colpo di scena alla “Tuttolomondo”. Dario Mirri è volato in quel di Milano per presentare alla Figc il fascicolo burocratico per partecipare al prossimo campionato di quarta categoria. Oltre alla fideiussione da 31 mila euro, il Palermo era chiamato a superare lo scoglio dell’assegno da un milione di euro che tanto ha fatto discutere nei giorni scorsi. La Covisoc avrà tempo fino a mercoledì per dare l’ok alle 160 squadre che parteciperanno al torneo. Poi si inizierà a fare sul serio con l’organizzazione dei gironi, in cui si terrà conto, oltre che della posizione geografica, anche di ogni singola richiesta da parte dei club. 

Settore giovanile: si riparte da Rosario Argento

Il passato e adesso anche il futuro del club rosanero. Lo storico dirigente palermitano, per anni (20 per esattezza) alla guida del settore giovanile, lasciò improvvisamente la barca per fare accomodare Dario Baccin. Ma si sa, certi amori fanno giri immensi, poi ritornano. Così a distanza di quasi dieci anni, Rosario Argento è pronto a rientrare nel “salotto” di casa sua. Una scelta mirata quella di Mirri e Sagramola: il Palermo in mano ai palermitani, perché se si vuole realmente dare un taglio con il passato, lo si dovrà fare anche da scelte come queste, iniziando a valorizzare tutte le risorse locali possibili. L’idea infatti è quella di vedere un Palermo a chilometro zero che possa contare su gente del territorio. Il senso d’appartenenza dovrà essere il motore della nuova società: ali e radici, radici e ali. Il progetto della nuova proprietà targata Mirri-Di Piazza inoltre prevede la formazione di quattro squadre: Juniores Under 19, Allievi Under 17, Giovanissimi Under 15 ed Esordienti. Oltre al Calcio Sicilia quest’anno come scuole calcio affiliate al Palermo dovrebbero figurare anche Ribolla, Sport Village Tommaso Natale e Cei. E iniziano a circolare già i primi nomi dei tecnici che plasmeranno la Cantera rosanero: fra questi figurano Arcoleo e Giacomo Tedesco. 

Rebus allenatore e nodo ds

Se per il settore giovanile sembra ormai tutto fatto, lo stesso invece non si può dire per la prima squadra: per Sagramola sono giorni intensi, ore frenetiche. Sarà importante, anzi, fondamentale ai fini dell’organizzazione del ritiro precampionato e della progettazione del mercato individuare il prima possibile la figura del nuovo tecnico. E in questo senso tutte le strade sembrano condurre a Giovanni Bucaro. L’ex tecnico dell’Avellino, club con cui ha vinto lo scudetto di Serie D macinando vittorie su vittorie (15 di fila) al momento sarebbe il primo nome in cima al taccuino di Sagramola, ma il suo arrivo a Palermo continua a essere tutt’altro che scontato. Quel che è certo è che a metà settimana il Palermo annuncerà il suo prossimo allenatore.  Anche per questo Sagramola continua a monitorare le alternative. In stand-by ci sono sempre Tedesco, Sottil e Rosario Pergolizzi, quest’ultimo apprezzatissimo sia da Argento che da Sagramola.  Così come piace molto il nome di Renzo Castagnini, ex dirigente di Vicenza e Brescia. Arenata per il momento la pista che porta a Laneri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento