Sport

Novara, è qui la festA: basta Vazquez, il Palermo torna tra i grandi

I rosanero passano anche al Piola e conquistano la nona promozione in A della loro storia. Barreto e compagni sempre in pieno controllo della partita. Gol decisivo a un soffio dal gong del primo tempo. Poi tante occasioni per il 2-0 fino al tripudio finale

La festa dei giocatori a fine partita - foto Tosi/PalermoToday

L'ultima volta fu una notte di fine maggio al Barbera, nel 2004. Adesso si festeggia sul sintetico del Piola di Novara. Un anno dopo riecco il Palermo in serie A. Una promozione meritatissima, senza discussioni, conquistata con cinque giornate d'anticipo. Troppo forte questo Palermo. A petto in fuori Barreto e compagni demoliscono anche il Novara e festeggiano insieme allo spicchio del Piola coloratissimo di rosa. Implacabile, padrone, gigantesco.  Finisce 1-0, l'ennesimo trionfo nell'anno dei record  E dire che l'ultima vittoria a Novara era roba del dopoguerra, con Vernazza. Dal Ghito al El Mudo. E' Vazquez l'uomo copertina nel giorno più importante, quello della risalita. Il Palermo conquista la nona promozione della sua storia e vince per la quinta volta il campionato di B. L'uomo dei sogni si chiama Iachini, al quarto salto nella massima categoria della sua carriera, che ha preso il Palermo dalle retrovie e lo ha riportato in paradiso.

LEGGI ANCHE: LE PAGELLE DELL'ANNO ROSANERO

Si comincia a ritmi bassi, gli scossoni più importanti arrivano dalla radiolina. Gli altri campi portano subito buone notizie per il Palermo e meno buone per il Novara. Dopo 41 minuti di nulla o quasi, ecco il gol spacca-partita. Dybala batte l'angolo, duetta con Vitiello, si accentra godendo forse di un'inaspettata libertà, e calcia: la palla viaggia come un proiettile nell'area affollata e incoccia il piede sinistro di Vazquez, appostato a due passi dalla porta. Kosicky non può far altro che capitolare. El Mudo è in leggerissimo fuorigioco, ma per il guardalinee è tutto ok, così il clan degli argentini è già lì, sotto lo spicchio riservato ai tifosi del Palermo, a far festa coi compagni.

LEGGI ANCHE: ZAMPA PUNTI SU IACHINI E TENGA BELOTTI

Il Palermo è in assoluto controllo del match. Infatti la ripresa si apre così come si era chiuso il primo tempo. I piemontesi non riescono a ripartire, il Palermo gestisce e riparte. Sempre velenosi i rosa quando si distendono in contropiede. Vazquez punge sempre, e per poco una serpentina in area non culmina col rigore. Col passare del tempo la partita diventa più gradevole. I rosa non hanno fretta, ma il Novara sì. Squadre lunghissime, azzurri che rischiano tutto perché sono con l'acqua alla gola e trovano il pareggio con l'inossidabile Rubino, ma l'arbitro annula per un leggero fuorigioco. Entra Lafferty per Dybala e dopo un minuto il palo gli nega la gioia del 2-0. A questo punto i rosa giocano sul velluto e nonostante il vantaggio continuano ad attaccare. Ci prova anche Hernandez che si beve il portiere ma da posizione complicata deposita sull'esterno della rete. Il tempo scorre, il Novara attacca, ma fa il solletico. Fino a quando l'arbitro decide che può bastare così. C'è spazio solo per la festa.  Il Palermo torna in A. Un anno dopo. Ed è giusto così.

TABELLINO

?NOVARA-PALERMO 0-1
MARCATORI: Vazquez al 41'.
NOVARA:
Kosicky 6; Perticone 6, Vicari 5,5 (66' Marianini), Ludi; Crescenzi 6, Faragò 5,5, Rigoni 6, Lazzari 5,5 (32' Lepiller), Lambrughi 6; Sansovini 6, Manconi 5,5 (57' Rubino 6). A disp: Montipò, Potouridis, Nava, Gonzalez, Genevier, Golubovic. All: Alfredo Aglietti
PALERMO: Sorrentino 6; Vitiello 6, Terzi 6, Andelkovic 6,5; Pisano 6, Bolzoni 6, Barreto 6,5, Vazquez 7 Ngoyi, , Lazaar 6,5; Hernandez 6, Dybala 6,5 (68' Lafferty). A disp: Ujkani, Milanovic, Di Gennaro, Troianiello, Verre,Daprelà, Belotti. All: Giuseppe Iachini.
ARBITRO: Gianluca Manganiello (Pinerolo).
NOTE Ammoniti: Lambrughi, Hernandez

LE PAGELLE

I MIGLIORI TODAY
Vazquez 7
: tecnica al potere, tocco felino sul lampo di Dybala. Il suo girone di ritorno non ha avuto cali e trova la sua sublimazione con il gol decisivo di oggi. Una ciliegina storica.
Dybala 6,5: apparecchia il gol del vantaggio con un bel triangolo iniziato dalla bandierina. Veloce, guizzante, imprevedibile. E' in formissima e infatti Iachini lo fa giocare sempre dall'inizio.
Andelkovic 6,5: pulito, preciso, energico. Concede pochissimo agli avversari e per poco non trova il 2-0 in uno dei suoi rari blitz in avanti. E' una delle sorprese della stagione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, è qui la festA: basta Vazquez, il Palermo torna tra i grandi

PalermoToday è in caricamento