rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Sport

Morganella saluta Palermo: "Vi ho nel cuore, ma non posso stare qui a guardare"

Il terzino ha scelto Instagram per dare l'addio ai tifosi: "Ho ancora un anno di contratto ma la mia volontà è quella di giocare più che di guadagnare. Il vostro rispetto negli striscioni a me dedicati e i cori valgono più di ogni panchina"

“Sono un rosanero e spero che più che un addio il mio sia soltanto un arrivederci”. Il campionato è finito e il Palermo adesso può finalmente iniziare a progettare il proprio futuro. Dopo un annata complicata sotto ogni punto di vista all’interno del club di viale del Fante e tempo di pensare anche agli addii. Il primo a fare un passo avanti è stato proprio Michel Morganella, idolo indiscusso della Curva Nord che attraverso il proprio account Instagram ha voluto salutare e ringraziare i tifosi rosanero.

“Una girandola di emozioni in contrasto – scrive Morganella -  questo è quello che sento oggi. Sono arrivato qui a soli 18 anni e dopo 9 stagioni mi sento uno di voi: un Palermitano. Il vostro affetto mi ha sempre accompagnato e il vostro supporto durante tutto questo tempo mi ha dato orgoglio e dignità oltre che ovviamente la cosa più importante: l’attaccamento a questi colori”.

Arrivato a Palermo nel 2009, Michel Morganella è stato il primo giocatore svizzero a indossare la maglia rosanero. In nove anni il terzino 28enne ha collezionato 95 presenze e siglato due reti. Infortunatosi nel momento migliore della propria carriera, Morganella quest’anno ha fatto davvero fatica, ritrovandosi per gran  parte della stagione in panchina, vittima soprattutto di un Rispoli in costante crescita. “Purtroppo – continua il terzino svizzero - non sono un ipocrita, non posso stare qui seduto vedendo la squadra fare fatica e non poterla aiutare, cercherò una strada per rendere così come è oggi il ricordo di uno spezzone importante della mia vita. Ho ancora un anno di contratto ma la mia volontà  - svela Morganella - come già sapete è quella di giocare più che di guadagnare. Il vostro rispetto negli striscioni a me dedicati e i cori valgono più di ogni panchina o non considerazione, questo per me è più importante di tutto: sono entrato nel vostro cuore e voi nel mio, per sempre”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morganella saluta Palermo: "Vi ho nel cuore, ma non posso stare qui a guardare"

PalermoToday è in caricamento