Palermo col minimo... Sforzini, i rosa passano a Marina di Ragusa per 1-0

E' del "Tagliagole" il gol che vale i tre punti. Qualche timida iniziativa nel primo tempo, poi la svolta nella ripresa. Vince anche il Savoia sul campo del Marsala, restano cinque i punti di distanza dai campani

La partita Marina di Ragusa-Palermo

In settimana aveva detto di sentirsi in debito col popolo palermitano (probabilmente per il rigore sbagliato al 90' col Troina) ma adesso, a distanza di un mese da quell’erroraccio, Nando Sforzini si riscatta ufficialmente regalando tre, pesantissimi, punti al Palermo grazie alla sua terza rete in maglia rosa. Vittoria di misura, ma fondamentale, allo stadio Aldo Campo, Marina di Ragusa sconfitto 1-0. Non è stato certamente il miglior Palermo della stagione quello visto in campo quest’oggi, ma neanche il peggiore. Gli uomini di Pergolizzi portano a casa il massimo risultato con il minimo sforzo, trovando il gol del tre punti a inizio ripresa: qualche timida iniziativa nel primo tempo, brava la diesa rossoblù a contenere le manovre offensive di Floriano (l’uomo più pericoloso dei rosa) poi tanto giro palla ben eseguito. Palermo fortunato nei primissimi minuti del match, col palo colpito da Schisciano che poteva complicare la pratica. Vince anche il Savoia sul campo del Marsala, restano cinque i punti di distanza dal club campano. Adesso i rosa avranno una settimana di tempo per preparare il derby col Messina in programma domenica prossima al Renzo Barbera. 

Gol e highlights | Video

Fuori Martin e Ficarrotta, dentro Mauri e Sforzini. Queste le scelte maturate nelle ultime ore da Pergolizzi per provare a superare lo scoglio Marina di Ragusa. Attacco inedito quest’oggi  per il Palermo, al fianco del Tagliagole, anche Floriano e Felici, quest’ultimo preferito al nuovo arrivato Silipo. Il modulo, sulla carta,  è esattamente lo stesso visto col Roccella domenica scorsa, un 3-4-3 con le due mezzali Kraja e Mauri, e non Martin come si ipotizzava alla vigilia. Per il resto tutto immutato: Langella e Martinelli esterni alti di centrocampo, guardinghi però in fase di non possesso nell’indietreggiare per mutare l’assetto tattico in un 4-3-3 per dare maggiore copertura ai rosa. Anche perché dall’altro lato c’è un Marina di Ragusa che, così come il San Tommaso, vuole provare a fermare davanti ai propri tifosi i primi della classe, anche e soprattutto con i gol dei propri attaccanti Mistretta e Diop. 

E infatti dopo neanche 5 minuti i padroni di casa hanno incredibilmente rischiato di andare in vantaggio con un colpo di genio di Schisciano (quasi come Ilicic ieri sera) da oltre 35 metri, stampando però il pallone sul palo della porta difesa da Pelagotti. Quella però sarà la prima e unica occasione dei rossoblù nel primo tempo. Un’iniziativa che di fatto è comunque servita a  infiammare gli animi sugli spalchi dell’Aldo Campo, facendo alzare subito i ritmi  di gioco delle due squadre. L’uomo più pericoloso dei rosa si conferma essere il nuovo acquisto Floriano: l’ex Galletto prova a mettersi sulle spalle il peso dell’attacco sia con iniziative personali che con assist invitanti per la testa del gigante Sforzini, che però ha faticato – e non poco – ad entrare in partita durante la prima frazione di gioco. L’occasione più ghiotta per il Palermo arriva al 35’ e nasce dai piedi del difensore Lancini, grazie a una conclusione apparentemente innocua dalla lunga distanza che per poco però non beffava l’estremo difensore del Ragusa, disturbato forse dalla luce del sole e salvato, per sua fortuna, dalla traversa. Da lì in poi il Palermo ha raccolto qualche altra occasione, anche e soprattutto con il solito Felici, bravo a imbucarsi fra le maglie avversarie, un po’ meno invece nell’insaccare il pallone alle spalle del portiere avversario. 

Ci sono voluti soltanto 6 giri d’orologio della ripresa per vedere il riscatto di Nando Sforzini: palla lunga a scalvare tutta la difesa avversaria, stop di petto del tagliagole e tap in vincente a due passi da Pellegrino. Un gioco da ragazzi per uno che in carriera ha superato la soglia delle cento reti, festa grande sotto il settore ospiti dei tifosi palermitani con tanto di esultanza con la mimica del taglio alla gola del centravanti 35enne. Il tecnico Utro, palermitano doc, corre subito ai ripari mandando in campo il giovane attaccante Baldeh per Calivà. E il terreno di gioco dà subito ragione all’allenatore dei rossoblù, perché l’attaccante col numero 17 dietro le spalle mette subito in chiaro le cose, dimostrandosi una vera e propria spina nel fianco per il reparto difensivo rosa. Pergolizzi corre ai ripari e si gioca il primo cambio dalla panchina: dentro Ambro, fuori un positivo Kraja. I padroni di casa chiudono il match con i campo tantissime punte, ma tiene bene la difesa dei rosa, fondamentale nei minuti finali della partita l’intervento di Lancini, bravo a murare una conclusione pericolosissima di Diop. Festa grande per il Palermo subito dopo il triplice fischio del direttore di gara, rosa vittoriosi 1-0. 

Il tabellino di Marina di Ragusa-Palermo

Marcatori: 51’ Sforzini. 

MARINA DI RAGUSA: Pellegrino, Pietrangeli, Sidibe (77’ Verachi), Calivà (62’Baldeh), Puglisi,  Giuliano, Mauro (89’ Retuci), Schisciano, Di Bari (68’ Cervillera), Mistretta (85’Suma), Diop. All: Salvatore Utro.

PALERMO: Pelagotti 6,5, Lancini 7, Crivello 6,5, Peretti 7; Martinelli 6,5 (cap), Kraja 6 (62’Ambro 6), Mauri 6,5, Langella 6,5 ; Floriano 6,5, Sforzini 7,5 (73’  Martin), Felici 6 (68’ Silipo 6,5). All: Pergolizzi. 6,5

ARBITRO: Andrea Calzavara

NOTE – Ammoniti: 26’ Mauro; 33’ Puglisi; 43’ Crivello; 50’ Lancini; 86’ Martinelli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

  • Ficarra e Picone dicono addio a Striscia la Notizia: "Non è facile ma preferiamo fermarci"

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

  • "La gente scappava via per la paura", rapinato il negozio Happy Casa del Centro Olimpo

Torna su
PalermoToday è in caricamento