Mangia: "Sempre legato a Sogliano, mi ha dato la carica per andare avanti"

Il tecnico (che oggi ha firmato un biennale) dopo le dimissioni del direttore sportivo: "Sean una persona seria, mi ha portato lui qui ma mi ha anche detto di continuare facendo quello che so fare". Il Bologna? "Squadra piena di qualità, gara complicata"

Il tecnico del Palermo, Devis Mangia

Un Devis Mangia un po' più dimesso del solito ma sempre gioviale va in scena proprio nel giorno dell'adeguamento del contratto (fino al 2013) e alla vigilia dell'importante sfida col Bologna. "Bello venire qua - dice ai giornalisti - e parlare solo di calcio". Macché. L'uscita di scena dell'amico Sogliano ha lasciato il segno com'era inevitabile e le domande dei cronisti sono incentrate sul divorzio tra il diesse e la società rosanero. "Mi dispiace - dice l'allenatore del Palermo - perché mi ha portato qui, è una persona seria e piena di valori, ma proprio lui mi ha detto di andare avanti e di fare quello che so fare".

"CONTRATTO? NON CI PENSAVO". La firma al biennale (si parla di circa 300 mila euro a stagione) solleva ma non più di tanto il morale a mister Devis dopo una settimana tormentata. "Non pensavo più di tanto a questo aspetto - spiega - il presidente già prima del Milan mi aveva annunciato che bisognava sistemare la faccenda, ma io ho lavorato e lavorerò a prescindere dal contratto". Più responsabilità? "Me le son sempre prese dal primo giorno, ho sempre lo stesso modo di vivere e di ragionare, so anche che devo migliorare".

IL COLLOQUIO CON ZAMPARINI. Ieri il patron ha incontrato il tecnico. "Ho spiegato quali sono le mie idee - racconta Mangia - sia chiaro che io ho sempre fatto sempre quello che volevo io, basta andar a vedere le formazioni per capire che non ci sono intoccabili. Io aziendalista? Beh, non è un aspetto negativo, un allenatore deve essere consapevole di quali sono le linee guida della società".

COME STA LA SQUADRA. Dopo Udine, il silenzio stampa e allenamenti soltanto a porte chiuse. "Ma la squadra è molto più serena di quello che si possa pensare", assicura il tecnico milanese. Ilicic e Zahavi? "Devono correre, fare assist, tirare in porta e far gol. Hanno lavorato bene in settimana, è passato un certo messaggio". Miccoli? "Devo ringraziarlo perché ha lavorato sodo per recuperare ed è a disposizione per domani, certo non ha un'intera partita nelle gambe".

ATTENZIONE AL BOLOGNA. Della gara contro gli emiliani si parla solo in seconda battuta. "Sarà una sfida complicata perché loro hanno grande qualità". Di Vaio e compagni vorranno vendicare Pioli dopo l'esonero di Palermo? "Penso che giocheranno come fanno sempre, forse con un pelino in più di voglia di dimostrare qualcosa. Non abbiamo paura, ma dobbiamo rispettare l'avversario sapendo quali sono i loro pregi ed avendo consapevolezza dei nostri punti di forza".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento