Sport

Calcio femminile, la Ludos Palermo fa 30 anni: "Passione e sacrifici, vogliamo la A"

Nella Sala degli Specchi di Villa Niscemi il club di calcio femminile più "antico" della Sicilia, ha festeggiato con la cittadinanza, le istituzioni e i media l'importante traguardo dei trent'anni di attività

Trent'anni e non sentirli. Trent'anni ricchi di successi e con ancora tanti ambiziosi progetti in cantiere per continuare a brillare nel firmamento del calcio femminile. Questa mattina, nella Sala degli Specchi di Villa Niscemi, la Ludos, il club di calcio femminile più "antico" della Sicilia, ha festeggiato con la cittadinanza, le istituzioni e i media l'importante traguardo dei trent'anni di attività.

La conferenza è stata aperta dal consigliere Dario Chinnici, che ha portato i saluti del Comune di Palermo ed ha spiegato "come sia importante che le società facciano rete e che la politica sia presente come loro valido interlocutore". Patrizia Milisenda, responsabile ufficio Sport del Comune ha poi sottolineato: "La Ludos in questi trent'anni ha dato lustro alla città di Palermo e ha evidenziato come l'impegno da parte dell'amministrazione comunale sia alto nei confronti dello sport e ciò lo testimoniano le somme stanziate per il miglioramento delle strutture sportive".

Il presidente della Ludos Cinzia Valenti, quindi, ha presentato il programma degli eventi legati a questo anniversario ed ha fissato gli obiettivi futuri: "Sappiamo bene i valori che veicola lo sport e la sua importanza per i giovani. Noi puntiamo a ritornare in serie A ed a rimanerci a lungo. Inoltre vogliamo porre massima attenzione e programmazione nello sviluppo del settore giovanile".

Il tecnico Uefa Antonella Licciardi, allenatrice della Ludos, ha spiegato cosa c'è dietro i successi della società palermitana: "Mi vengono in mente due parole magiche: passione e sacrifici. A cui bisogna aggiungere la grandissima professionalità delle persone che ruotano attorno alla Ludos". Sandro Morgana, delegato del Dipartimento Calcio Femminile, infine ha illustrato la ristrutturazione dei campionati, di cui ne è stato il promotore, ed ha annunciato la volontà di reistituire la Divisione Calcio Femminile, che garantirà ancor più autonomia al movimento.

 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio femminile, la Ludos Palermo fa 30 anni: "Passione e sacrifici, vogliamo la A"

PalermoToday è in caricamento