menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabrizio Miccoli

Fabrizio Miccoli

Piove sul Palermo, anche la Lazio ne fa tre

Disfatta rosa in trasferta nella seconda di campionato. Gli uomini di Sannino stentano a creare gioco e subiscono continuamente le offensive laziali. Doppietta per Klose e gol di Candreva da 25 metri

All'Olimpico è ancora 3-0. Secondo match della stagione e seconda sconfitta. Sannino cambia modulo rispetto alla prima di campionato e parte con la difesa a quattro. Mentre i rosa mostrano ancora una volta parecchi limiti nel contenimento e nell'impostazione di gioco, la Lazio gioca bene e non rischia mai di subire gli attacchi del siciliani. Male la fase difensiva, partendo dall'approccio dei centrali Cetto e Von Bergen. La superiorità tecnica e tattica dei laziali non tarda a venire fuori, creando non poche complicazioni alla squadra ospite.

LE PAGELLE

HIGHLIGHTS

DIFESA COLABRODO. Se nel calcio si vince segnando più reti degli avversari, è altrettanto fondamentale non subirne. Questo concetto, pare non sia chiaro alla difesa rosa che sbaglia troppo e non riesce a leggere i movimenti degli avversari. Il Palermo comincia con la difesa a quattro, con la formazione-tipo di Sannino; scende in campo con un atteggiamento aggressivo, ma è solo un'illusione che dura pochi minuti. Appena il tempo di prendere le misure e la Lazio alza il baricentro, costringendo i rosa a giocare nella propria metà campo e non permettendogli di creare gioco. Il Palermo soffre i lanci lunghi su Klose, i cambi di gioco, le giocate sugli esterni Konko e Lulic e il rapido fraseggio degli avversari; quando riesce a riconquistare la sfera, più che altro a causa di errori dei laziali, dimostra di avere palesi difficoltà nel manovrare l'azione. Al 40' Giorgi spazza male dalla propria area e il pallone finisce fra i piedi di Gonzalez, che sulla destra scarta un disattento Garcia e crossa nell'area piccola dove trova Klose lasciato solo da Cetto: 1-0. Le prime due prestazioni non lasciano ben presagire e la squadra si sta dimostrando troppo mediocre per il livello della serie A. Di certo il calendario non è stato benevolo con il Palermo, mettendo sulla sua strada due gare contro due organici di livello come quelli di Napoli e Lazio (squadre impegnate nelle due competizioni europee). Che sia solo questione di tempo? Magari quello necessario per far amalgare i diversi nuovi innesti con un gruppo che ha cambiato ossatura e con alla guida un tecnico promettente, sulla panchina dei rosanero da appena 3 mesi.

PALERMO SENZA IDEE. I rosa non provocano mai grandi sussulti ai tifosi capitolini, mentre la Lazio si mostra squadra compatta e quadrata ed a sette minuti dal termine del primo tempo passa meritatamente in vantaggio. Con grande facilità, gli uomini di Petkovic controllano la partita e impediscono ai siciliani di creare qualunque genere di insidia. Sembrerebbe che ai rosa manchi la giusta lucidità per tenere palla, farla circolare in maniera ordinata senza rischiare di perdere ad ogni azione. Il secondo tempo si riapre sulla falsariga del primo: palermitani senza idee e in costante affanno. Ad appena cinque minuti dalla ripresa, Sannino sostituisce Giorgi con Arevalo Rios, nella speranza di sfruttare le sue caratteristiche da "piacchiaduro". L'uruguaiano viene posizionato davanti la linea difensiva, con Barreto a destra e Bertolo a sinistra. Il cambio di schema non sortisce però alcun effetto e la squadra prosegue per inerzia. Il tempo scorre e arriviamo al 55', quando Candreva si inventa una grande conclusione dai 25 metri e batte Ujkani. Il coach rosa tenta il tutto per tutto e al 58' effettua un doppio cambio: Kurtic per Hernandez e Ilicic per Dybala. Il talento argentino classe '93 sembra essere l'unico a volere ribaltare l'esito della partita, Hernandez poca roba, ma il Palermo è ormai stanco e spaesato. A sette minuti dal termine Lulic pesca al limite dell'area piccola il solito Klose, che effettua uno stop a seguire con il petto e insacca a pochi passi dalla porta: 3-0 e partita finita.

TABELLINO

LAZIO Marchetti, Konko, Biava, Dias, Lulic, Ledesma, Mauri (80' Onazi), Gonzalez, Hernanes (86' Scaloni), Candreva, Klose (89' Kozak). A disposizione: Bizzarri, Ciani, Ederson, Rocchi, Zarate, Cavanda, Carrizo, Floccari. Allenatore: Vladimir Petkovic

PALERMO Ujkani, Cetto, Von Bergen, Garcia, Pisano, Barreto, Kurtic (58' Dybala), Brienza, Bertolo, Giorgi (50' Arevalo Rios), Ilicic Miccoli (58' Hernandez). A disposizione: Benussi, Munoz, Viola, Milanovic, Labrin, Budan, Donati, Sanseverino, Morganella. Allenatore: Giuseppe Sannino

ARBITRO: Domenico Celi (Bari)
ASSISTENTI: Fabio Pietro Galloni (Lodi), Francesco Altomare (Molfetta)
RETI: 40', 83' Klose, 56' Candreva (L)
AMMONITI: Miccoli, Arevalo Rios (P); Candreva, Lulic, Klose (L)

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Dopo le batoste subite da Napoli e Lazio, secondo te dove possono arrivare i rosa in campionato?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento