Sport

Juve-Palermo, i 3 colpacci consecutivi e i gol segnati da marcatori bizzarri

Tra il 2008 e il 2010 la serie positiva (ancora aperta) a Torino, iniziata da Ballardini e proseguita da Rossi. Nel tabellino anche i nomi di Budan e Mchedlidze. Nel maggio 2006 l'ultima vittoria dei bianconeri al Delle Alpi

L'esultanza dei giocatori dopo la vittoria col Siena

I tre successi esterni consecutivi, ma non solo. I gol di chi non segna mai. E poi anche l'ultima vittoria della Juventus al Delle Alpi. Quando il Palermo va a casa della Vecchia Signora gli statistici drizzano le orecchie. E ancora una volta i rosanero possono scrivere un piccolo capitolo di storia nella città della Mole. Sbancare Torino significherebbe non solo firmare un poker sensazionale, ma anche mettere la prima bandiera corsara allo Juventus Stadium, dove ancora nessuno è passato.

OGNI STADIO LA SUA STORIA. Forse però il Palermo avrebbe preferito giocarla all’Olimpico, l’impianto dove tra il 2008 e il 2010 i siciliani hanno battuto sempre i piemontesi. Eppure l’esordio in questo stadio per i rosanero contro la Juve non fu dei più felici. Il 25 novembre 2007 la panchina di Colantuono venne demolita dal 5-0 firmato da Del Piero e soci. L’allenatore dalla pelata brillante fu infatti esonerato il giorno dopo. Più fortuna (e bravura) hanno avuto i due calvi successivi chiamati a guidare i rosa. Ballardini aprì la striscia positiva con l’1-2 del 5 ottobre 2008, Rossi ha poi proseguito la tradizione con lo 0-2 del 28 febbraio 2010 e l’1-3 del 23 settembre 2010. Altra curiosità: contro il Palermo, la Juventus ha conquistato la sua ultima vittoria al Delle Alpi, il 7 maggio 2006. Finì 2-1, poi l’impianto venne chiuso.

MARCATORI BIZZARRI. Eros Pisano, terzino destro, sogna di far gol alla Juve. E fa bene a coltivare questo desiderio. Perché quando il Palermo gioca a Torino sul tabellino finiscono sempre nomi insoliti. Nel 2004, al ritorno in A dei siciliani, il 26 settembre, fu Zaccardo a portare in vantaggio i rosanero nell’1-1 fissato poi da Ibrahimovic. Nell’ultimo successo dei bianconeri al Delle Alpi, 7 maggio 2006 appunto, alla voce marcatori spuntò Godeas. Un attaccante sì, ma non un cecchino infallibile in serie A. Ancora più clamorosa la rete di Mchedlidze nell’1-2 del 2008, l’unico gol della promessa (non mantenuta) georgiana con la maglia del Palermo.

Budan, invece, da quando è in rosanero, in campionato, ha messo a segno 5 reti, di cui una alla Juventus nello 0-2 del 2010. Infine, a segno l’anno scorso, c’è Bovo, certo un difensore col vizio del gol come Zaccardo, ma di sicuro non uno su cui scommettere come marcatore a Torino. Su Miccoli, invece, si potrebbe puntare eccome. Tra tante firme inconsuete, c’è anche la sua nei tabellini degli ultimi Juve-Palermo. Il salentino ha infatti aperto le danze nelle prime due vittorie (2008, 2010) di questa serie che Mangia è chiamato a prolungare. Anche per sfatare il tabù trasferte.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juve-Palermo, i 3 colpacci consecutivi e i gol segnati da marcatori bizzarri

PalermoToday è in caricamento