Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Nestorovski: "L'infortunio è alle spalle, ora i tifosi ci aiutino ad andare in A"

Il bomber macedone al sito ufficiale del Palermo: "Brutto vedere i compagni giocare e tu sei in tribuna, ma ora sto bene e ringrazio i fisioterapisti". Sulle voci di mercato: "Qui sono cresciuto tanto, il mio obiettivo è portare i rosa dove meritano di stare"

L'esultanza di Nestorovski (27 anni) dopo un gol all'Entella - foto Fucarini

Dieci gol in questa stagione, 21 da quando veste la maglia del Palermo: Ilija Nestorovski ha sorpreso chiunque e da una delle tante scommesse di Zamparini è riuscito a diventare subito una certezza, perfino nell’anno più buio del club rosanero. Non soltanto un punto di riferimento e un goleador, l’attaccante macedone in due anni in Sicilia è perfino riuscito ad essere capitano, indossando la stessa fascia che un tempo apparteneva a giocatori come Corini o Miccoli. "E’ normale sentire più responsabilità quando sei capitano, per me però - spiega Nestorovski al sito ufficiale del Palermo - non c’è mai stato alcun tipo di problema. In questa stagione sono mancato 4-5 partite e per me questo non è stato assolutamente facile. Ora sto bene, l’infortunio è alle spalle. E' brutto vedere i compagni giocare e tu sei in tribuna. Voglio ringraziare i fisioterapisti per quello che hanno fatto per me. Comunque sia - continua - quello che conta realmente è che questa seconda parte di 2017 sia stata più che  positiva per noi perché abbiamo raggiunto una posizione alta di classifica e adesso vogliamo restare in vetta il più a lungo possibile”.

Nonostante le tante richieste di mercato, l’attaccante macedone resterà ancora a Palermo. Il trasferimento al Torino può attendere, l’obiettivo del numero 30 del Palermo al momento è quello di riportare il Palermo a giocare nei campi più prestigiosi del campionato italiano. “Voglio portare il Palermo dove merita - continuna - e ho imparato tanto dal calcio italiano, soprattutto tatticamente, e sono orgoglioso. Chi guarda le nostre partite vede che siamo tutti uniti, solo così possiamo andare in A. Serve andare avanti tuti insieme ed uniti per dare il 100% e andare in A".

E chissà se oltre alla Serie A, il  Palermo nel 2018 non ritroverà anche uno stadio gremito pronto a incitare la squadra. I record di presenze negative al Renzo Barbera non sono passati inosservati nemmeno agli occhi del bomber macedone che ha voluto ancora una volta lanciare un messaggio ai propri tifosi. Il percorso di Nestorovski e compagni non ha nulla a che vedere con quanto accaduto negli spalti. Il primato in classifica, infatti, non è ancora servito a riportare la gente allo stadio. "Con il dodicesimo uomo - spiega il macedone - saremmo sicuramente più forti di tutti. Quello che pensò realmente è che se allo stadio venissero in 20 o 30 mila potremmo realmente  vincere ogni partita con 3-4 gol in più. Il mio augurio - conclude - è quello di stare bene e andare in A con il Palermo".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nestorovski: "L'infortunio è alle spalle, ora i tifosi ci aiutino ad andare in A"

PalermoToday è in caricamento