menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Leoluca Orlando e Paul Baccaglini

Il sindaco Leoluca Orlando e Paul Baccaglini

Baccaglini da Orlando: "Uno stadio per Palermo, ripagherò l'affetto dei tifosi"

Entro giugno il nuovo progetto per l'impianto che dovrebbe sorgere allo Zen: "Ma abbiamo alternative valide. Il fondo di cui faccio parte è solido e avrò tempo per dimostrarlo". Il sindaco prima ringrazia Zamparini, poi assicura: "Vogliamo collaborare, nel rispetto delle norme"

“Prima il lavoro e poi il piacere”. Parola del presidente del Palermo, Paul Baccaglini. Due giorni dopo il suo arrivo a Palermo, l’ex Iena ha subito voluto incontrare il sindaco Orlando a Villa Niscemi per approfondire il prima possibile il tema legato alla realizzazione del nuovo stadio del club rosanero. Prima di entrare nella stanza del sindaco, un tifoso ha urlato a Baccaglini: "Adesso facci sognare". Il presidente ha risposto sorridendo: "Sono pronto a ripagare questo affetto...".

PALERMO-ROMA, IL MESSAGGIO DI BACCAGLINI E NESTOROVSKI: VIDEO

Al termine dell'incontro privato, la conferenza stampa. "Devo essere sincero – ammette il Sindaco - non mi sarei mai aspettato nove anni fa di trovarmi accanto colui che mi inseguì davanti Montecitorio. La vita, però, è davvero imprevedibile, con il passare del tempo si cambia ed eccoci qua. Il mio auspicio e che la squadra di calcio di questa città possa giocare e giocando possa anche vincere. Ho confermato al presidente Baccaglini la mia voglia nell’intraprendere un percorso di collaborazione. E' chiaro però che l’amministrazione comunale dovrà seguire tutte le procedure e tutti i controlli nel rispetto della vigente normativa".

Il comune dunque farà di tutto per cercare di dare alla nuova proprietà, impianti sportivi idonei. "Il mio compito  - spiega il sindaco – sarà quello di proporre il progetto all’amministrazione comunale e tutto ciò verrà fatto con una visione molto positiva e ottimista. Ci tengo comunque a ringraziare Zamparini per gli anni bellissimi che ha regalato a questa città. Bisogna assolutamente riconoscere l’ottimo lavoro svolto in questi quindici anni dall’imprenditore friulano”.

Da Zamparini a Baccaglini, dal passato al presente e forse anche al futuro. “Oggi è un giorno molto importante – esordisce così il numero uno del club di viale del Fante – abbiamo illustrato le nostre idee al sindaco cercando di creare con la realizzazione dello stadio, un punto di riferimento non soltanto per il calcio, ma per tutti i palermitani e per il Sud Italia. Stiamo parlando di un susseguirsi di passaggi che alla fine gioveranno non soltanto alla città di Palermo, ma un po’ a tutta l’Italia”.

Il compito di Baccaglini sarà quello di presentare un progetto che, a differenza di quello presentato da Zamparini anni fa, si sposi perfettamente con le normative burocratiche. “Ci sono molti elementi validi all’interno del primo progetto – spiega il presidente – anche se alcuni aspetti hanno condizionato l’approvazione finale. Dunque, ci saranno delle modifiche per rendere il progetto totalmente a norma e sarà nostro compito lavorare più nel dettaglio su quelle che sono le infrastrutture che sorgeranno all’interno dello Stadio (area ristorazione, museo etc.). Le idee – confessa – ci sono adesso spetta a noi presentarle nel modo più congruo possibile”.

E’ chiaro, ci vorrà tempo. Non si può mica pensare che un progetto del genere possa essere esaminato e realizzato dall’oggi al domani. Sulle tempistiche Baccaglini ha assicurato che “entro giugno sicuramente sarà presentato il nuovo progetto. Il nuovo impianto potrebbe nascere dove adesso è situato il Velodromo, anche se – ammette – abbiamo in mente anche altre alternative che stiamo valutando in questo momento”.  Per l’ex Iena, però, è assolutamente vietato parlare di cifre per quanto riguarda la realizzazione di questo progetto. “Qualsiasi cifra io possa dire, rischia di creare delle aspettative distorte da parte dei tifosi. Il fondo di cui faccio parte è solido e avrò tempo per dimostrarlo. Godiamo della piena fiducia dei nostri clienti, non abbiamo chiesto al loro il permesso per poter costruire lo stadio. Chi ci finanza – spiega – ha fiducia in noi ed è chiaro che i nostri clienti avranno un ritorno economico. Quello che mi sento di dire – conclude – è che questo progetto potrà essere un punto focale e d’attenzione per tutti. Palermo è splendida e merita un’attenzione mediatica pari alle più grandi città europee”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento