Martedì, 27 Luglio 2021
Sport

Tutto pronto per il Giro di Sicilia, c'è anche un'Alfa iscritta alla Targa Florio di 94 anni fa

La più grande sorpresa riguarda la partenza: quest’anno il parco chiuso sarà ospitato in piazza Verdi. Lo "start" fissato per il 7 giugno: la prima vettura prenderà il via all’ombra del Teatro Massimo

Un'auto in corsa nel 2017

Dal 7 al 10 giugno torna il Giro di Sicilia che nel 2018 arriva alla sua edizione numero 23. La manifestazione organizzata dal Veteran Car Club Panormus, club federato ASI più antico di Sicilia, quest’anno presenta tantissime novità sia dal punto di vista del percorso che contenutistiche.  La prima grande sorpresa riguarda la partenza: quest’anno il parco chiuso sarà ospitato in piazza Verdi. Il 7 giugno prossimo, dunque, la prima vettura prenderà il via all’ombra del Teatro Massimo alle 18,30.

Il museo su quattro ruote del Giro di Sicilia 2018 si muoverà in notturna percorrendo la costa Tirrenica fino ad arrivare a Sant’Agata di Militello, un percorso in senso orario abbastanza inedito nelle ultime stagioni. Nelle tappe successive il Giro si addentrerà sulle montagne del messinese fino ad arrivare sull’Etna, si attraverserà l’entroterra più profondo passando da Aidone, Piazza Armerina e tornando poi verso il mare ad Agrigento, con la Scala dei Turchi di Realmonte, Sciacca e chiusura di tappa a Mazara del Vallo. Ultima tappa tutta legata al trapanese con partenza da Marsala e rientro nel capoluogo siciliano con arrivo a Mondello nel piazzale antistante l’antico stabilimento balneare in stile liberty.

“Sarà una manifestazione vicina a temi di rilevanza sociale, il Giro deve essere di tutti”, ad annunciarlo è il presidente del VCC Panormus Nino Auccello. Dopo la collaborazione, confermata, con il Comitato Paralimpico Italiano, quest’anno il sodalizio palermitano ha voluto fare di più acquistando una vettura unica al mondo nel suo genere: una Fiat 600 C d’epoca modificata dall’azienda Guidosimplex interamente pensata per la guida di soggetti diversamente abili. Lo scorso anno – continua Auccello – abbiamo avuto il piacere di ospitare gli atleti paralimpici palermitani sulle nostre vetture per percorrere assieme il “Circuito di Palermo”, quest’anno, invece, qualcuno di loro sarà con noi per tutta la durata del Giro”.

Parco vetture di primissima scelta quest’anno con una chicca proveniente dagli Stati Uniti: un’Alfa Romeo RL Targa Florio del 1924 di proprietà dell’appassionato italoamericano Venanzio Fonte. Secondo i documenti a disposizione la vettura sarebbe una delle 4 Alfa iscritte alla Targa Florio del 1924, arrivata seconda con Giulio Masetti alla guida. Come di consueto anche quest’anno sarà foltissima la presenza di equipaggi argentini, diversi saranno anche i team giapponesi al via oltre che vetture provenienti da ogni angolo d’Europa.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto pronto per il Giro di Sicilia, c'è anche un'Alfa iscritta alla Targa Florio di 94 anni fa

PalermoToday è in caricamento