Assegnata la Heritage Plaque al Giro podistico internazionale di Castelbuono

Nell’anno in cui non si è disputata, per la "Cursa", arriva un prestigioso riconoscimento: "Eccezionale contributo alla storia e allo sviluppo dell’atletica leggera"

Il giovanissimo Worku Tadesse vince nel 2019 a Castelbuono

Nell’anno in cui non si è disputato (era avvenuto solo in occasione dei due conflitti mondiali), per il Giro Podistico internazionale di Castelbuono arriva un prestigioso riconoscimento. La World Athletics l’organizzazione che si occupa dell’atletica leggera a livello mondiale (nota in precedenza come IAAF) ha insignito, la storica corsa siciliana della Heritage Plaque, assegnata ieri a sei eventi mondiali che nei decenni hanno offerto “un eccezionale contributo alla storia e allo sviluppo dell’atletica leggera e delle discipline di cross, montagna, strada, trail, ultrarunning e marcia”.

La manifestazione, prevista nella consueta data del 26 luglio, a causa della pandemia era stata dapprima rinviata al 13 settembre, per poi essere definitivamente annullata. Un premio alla storicità e alla tradizione per “A Cursa”, la cui prima edizione fu disputata nel 1912. Il Giro è stato premiato insieme alla canadese Around the Bay (fondata nel 1894), alla statunitense YMCA Turkey Trot (1896), alla 10 km ceca Bechovice-Praga (1897), alla maratona slovacca di Kosice (1924) e alla maratona giapponese di Fukuoka (1947).

Per quanto riguarda le manifestazioni “made in Italy”, l’Heritage Plaque consegnato al Giro podistico internazionale di Castelbuono, si aggiunge a quelle ricevute lo scorso anno dal cross dei Cinque Mulini e dalla rivista “Atletica” edita dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera.  Le congratulazioni al Giro Podistico di Castelbuono, sono arrivate direttamente da Sebastian Coe; per il presidente di World Athletics, il “Giro” occupa un posto di rilievo tra le gare podistiche più iconiche d’Europa (nel recente passato lo stesso riconoscimento è andato ad eventi come la Maratona di Boston e quella di Atene n.d.r.). “Aver ricevuto la targa di patrimonio mondiale dell’atletica leggera è il più grande riconoscimento che il Giro di Castelbuono abbia mai potuto vantare”. Ad affermarlo è Antonio Castiglia, presidente del Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese che organizza l’evento. “Un riconoscimento importante che arriva in questo difficile periodo storico – afferma Castiglia -  e che testimonia che nella vita i sacrifici e gli enormi sforzi fatti da tutti in questi decenni, alla fine vengono ripagati con grazia e riconoscenza”.  

Un premio che è di ottimo auspico per l'edizione del 2021 e che il Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese vuole dedicare ai castelbuonesi e a tutti coloro che negli anni si sono adoperati per la manifestazione, contribuendo alla sua crescita e valorizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento