Sport

Gervasoni scagiona il capitano rosa “Miccoli non sapeva delle combine”

L'ex difensore del Piacenza arrestato nell'ambito del secondo filone dell'inchiesta sul calcio scommesse parla sulla partita disputata il 7 maggio 2011 che finì 2 a 1 per il Palermo

Carlo Gervasoni

Miccoli non sapeva delle combine”. Parla così l'ex difensore del Piacenza Carlo Gervasoni arrestato nell'ambito del secondo filone dell'inchiesta sul calcio scommesse in merito alla partita disputata il 7 maggio 2011 che finì 2 a 1 per il Palermo. “Il risultato concordato – ha raccontato Gervasoni ai magistrati - era di un over con la sconfitta del Bari, con almeno due gol di scarto: si tratta di notizie che mi ha riferito Gegic nell'immediatezza della partita, in quanto ho scommesso sulla medesima. Ricordo che sempre secondo quanto lui mi riferì, era stato Carobbio a mettersi in contatto con i giocatori del Bari o con qualcuno che gli stesse vicino. Gegic mi riferì che erano stati corrotti i seguenti giocatori del Bari: Padelli, Bentivoglio, Parisi, Andrea Masiello e Rossi”. “Il risultato concordato – ha poi aggiunto l'ex difensore - non fu raggiunto perché Miccoli sbagliò il rigore che era stato volutamente provocato. Ma lui non sapeva nulla della combine”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gervasoni scagiona il capitano rosa “Miccoli non sapeva delle combine”

PalermoToday è in caricamento