Lunedì, 2 Agosto 2021
Sport Partanna-Mondello

Crivello "dimentica" il Frosinone: "Sono molto dispiaciuto, amo Palermo"

Dopo la turbolenta notte dello Stirpe parla il terzino nato e cresciuto a Mondello. Un legame stretto col suo quartiere, al punto che quando nel 2015 salì in A con il Frosinone, qualcuno vestì la Sirenetta con una maglia giallazzurra...

Roberto Crivello

"Sono contento per i miei compagni, ma da palermitano sono molto dispiaciuto perché Palermo è la mia città ed è la città che amo". A parlare è Roberto Crivello, terzino del Frosinone e protagonista di un'intervista ai microfoni di Sky Sport. Il 26enne ha raccontato diversi retroscena dell'annata trascorsa dai ciociari. 

Nato a Palermo nel 1991, Crivello è cresciuto a Mondello. Un legame stretto col suo quartiere, al punto che quando nel 2015 salì in A con il Frosinone, qualcuno vestì la sirenetta con una maglia giallazzurra e il ritorno del terzino palermitano a casa si trasformò in una festa: bandiere e striscioni alle finestre e ai balconi, e intorno alla fontana tantissimi nastri giallazzurri. A distanza di tre anni le cose sono decisamente cambiate...

Nel corso dell'intervista Crivello - che subito dopo la partita che è costata la A al Palermo è tornato in vacanza nella sua città - ha voluto ringraziare il presidente Maurizio Stirpe: "Ci ha sempre difeso da tutti, soprattutto nei momenti difficili. Ringrazieremo sempre il Presidente per tutto quello che ci mette a disposizione", e ha raccontato i momenti concitati vissuti durante i playoff, come la semifinale contro il Cittadella: "Quando ha segnato Kouamé si sono rivisti i finali dell'anno passato, ma alla fine ne siamo usciti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crivello "dimentica" il Frosinone: "Sono molto dispiaciuto, amo Palermo"

PalermoToday è in caricamento