Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

Fallimento Palermo, nominati tre tecnici: slitta la decisione sul futuro del club

Serviranno almeno 2 mesi per consentire ai tre periti incaricati di redigere una perizia super partes. La decisione dei giudici potrebbe bloccare il mercato in entrata e in uscita, ma lascia apparentemente soddisfatto il presidente Giammarva e gli avvocati

Sarà una perizia super partes, redatta da tre tecnici di Pescara, Bologna e Palermo, a fornire al collegio giudicante altri elementi per emettere la sentenza sull’istanza di fallimento presentata dalla Procura. Relazione per la quale si dovranno attendere almeno due mesi dopo i quali i giudici si riuniranno nuovamente per deliberare. "Non abbiamo ancora esaminato l’intero provvedimento. E’ stata disposta - spiega l’avvocato Francesco Paolo Di Trapani - una Ctu sulla base della copiosa documentazione da noi prodotta per, a nostro modo di vedere, confutare ogni ipotesi formulata dalla Procura. Possiamo ritenerci soddisfatti, ma dobbiamo avere il tempo di metabolizzare e leggere bene il provvedimento dal punto di vista dei quesiti che sono formulati non in maniera specifica. L’obiettivo che intendiamo perseguire è quello di superare ogni ipotesi sullo stato d’insolvenza della società”.

Fallimento Palermo, secondo round in tribunale | VIDEO

Quanto accaduto oggi, anticipato da PalermoToday lo scorso 4 dicembre, lascia apparentemente soddisfatti il presidente Giovanni Giammarva e gli avvocati che difendono la società rosanero, i quali avevano già depositato una consulenza tecnica di parte integrata la scorsa settimana con un’ulteriore memoria difensiva. Ma la decisione presa dal collegio presieduto dal giudice Giovanni D’Antoni di fatto dovrebbe bloccare il mercato in entrata e in uscita del Palermo, perché vendere dei giocatori significherebbe intaccare le finanze del Palermo, la cui rosa è valutata poco meno di 20 milioni di euro. Una notizia per certi versi positiva in quanto impedirebbe gli assalti ai pezzi pregiati della squadra come Nestorovski, sul quale è stato registrato l’interesse del Torino, ma che non consentirebbe altresì al direttore sportivo Fabio Lupo di cercare qualche rinforzo e regalare all’allenatore Bruno Tedino nuove pedine per lo sprint finale per la caccia alla serie A.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento Palermo, nominati tre tecnici: slitta la decisione sul futuro del club

PalermoToday è in caricamento