Sport

Europei di volley per sordi, l'Ucraina batte l'Italia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Penultima giornata dei campionati europei di volley U21 per sordi, che si stanno svolgendo al Palaoreto. Domani, giornata conclusiva del campionato, in cui si disputeranno le due finali, al maschile e al femminile, per decretare le prime tre posizioni. Oggi la giornata si è aperta con l'incontro fra Polonia e Turchia, vinta da questi ultimi con il risultato di 3 a 0 (parziali 25-21/25-16/27-25). La partita è cominciata con una situazione di sostanziale parità. Le due squadre, almeno per il primo quarto di set, hanno prodotto giocate non brillanti, ma nemmeno troppo acerbe. A partire dalla seconda parte del periodo di gioco è stata la Turchia che ha spiccato grazie soprattutto al suo schiacciatore di punta che ha dato, in poco tempo, un buon vantaggio alla sua squadra e una gran scossa psicologica, evidenziando però nel contempo, una grave mancanza tecnico-tattico nel reparto ricettivo della squadra polacca. Squadra polacca che non è riuscita a tenere testa a livello psicologico al gioco dei turchi, azzerando completamente la loro voglia di farcela per l’intera durata del set. Questa situazione ha permesso alla Turchia di vincere anche il secondo set. Il terzo periodo di gioco ha visto invece come protagonista la Polonia. Da subito la squadra dell’est Europa si è portata in vantaggio con delle belle e incisive giocate. Sia a livello agonistico, che di spirito di squadra, i polacchi hanno mostrato una brillantezza ritrovata e una nuova unità che le ha permesso di condurre per tutto il tempo di gioco, una partita in situazione di sostanziale parità. Ma tutto questo non è bastato. È stata infatti la Turchia a dimostrare di avere i nervi più saldi e maggiore caparbietà, e questo le ha permesso, con grande fatica e determinazione, di portarsi a casa il match per 3 set a 0.

Il secondo incontro è stato Ucraina – Italia ed è stata sicuramente, per gli azzurri, la partita più deludente dell’intero campionato, persa con il punteggio di 3 a 0. La nazionale italiana, tranne che per alcuni frangenti dove c’è stata qualche buona giocata, è risultata completamente impreparata al gioco ucraino. Un po’a causa delle differenze fisiche tra gli atleti delle due squadre (elemento che ha influenzato non poco sull’esito finale negativo per gli azzurri della gara), un po’ per questioni di motivazione, l’Italia ha dimostrato col suo gioco e i suoi comportamenti, di non averci mai creduto davvero. L’Ucraina dal canto suo, ha potuto esprimere un eccellente gioco sia in fase difensivo-ricettiva grazie a una buona barriera e la grande concentrazione che i giocatori sono riusciti a mantenere dalle prime alle ultime battute di gioco, sia in attacco grazie a un paio di schiacciatori di prima punta attenti e sempre pronti per la squadra. Questi i parziali di gioco: 25-19/25-14/25-20.

La terza partita della giornata è stata Polonia – Russia ed è stata una partita giocata in maniera educata e all’insegna del fair play da entrambe le squadre. Tutti i 3 set si sono svolti all’insegna della parità fisica e tecnico-tattica. Ogni giocata di una squadra è stata brillantemente amministrata dalle russe e ciò che ha determinato la vittoria sono stati sopratutto gli errori commessi dalla Polonia. Esemplare anche il comportamento in campo degli allenatori, rispettosi nei confronti della classe arbitrale e delle atlete delle squadre avversarie. La partita è terminata con 3 set a 0 ( 25-23/25-19/25-14) per la Russia, ed è stata piacevole e divertente.
Domani la giornata inizierà alle 9,30 con la finale per il 3° posto maschile; a seguire quella per il 3° posto femminile. Poi, le due finali, prima quella 'rosa' e poi i ragazzi. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europei di volley per sordi, l'Ucraina batte l'Italia

PalermoToday è in caricamento