Sport

Palermo a Empoli per allungare, Tedino: "Partita tosta, ma non decisiva"

Da un lato Caputo e Donnarumma, la miglior coppia gol della serie B, dall'altro i rosanero che sono una delle tre squadre professionistiche ancora imbattute in trasferta. Mancherà ancora Rispoli. Calciomercato: sfuma l'acquisto di Haksabanovic dal West Ham

Bruno Tedino in conferenza stampa

La miglior difesa del campionato contro l’attacco più prolifico della serie B. In campo al Castellani però non ci saranno né Rispoli né Rolando. Contro l’Empoli dunque potrebbe toccare a Szymisnki presidiare la corsia di destra. Sfuma intanto l’acquisto del centrocampista Haksabanovic.

Le motivazioni non mancano, i buoni propositi neanche: per l’Empoli sarà l’occasione perfetta per cercare di agguantare finalmente la vetta della classifica, per il Palermo l’invece l’opportunità di allungare sulle inseguitrici. “In questo momento – confessa Tedino in sala stampa – le uniche due alternative a Rispoli sono il polacco e Fiordilino. Rolando – dice – non ha ancora recuperato la migliore condizione fisica e penso che ci vorrà ancora del tempo visto che sta cercando di lasciarsi alle spalle un terribile infortunio. Non sono neanche sicuro di poterlo schierare a partita in corso, motivo per cui anche questa volta dovremo rimboccarci le maniche e trovare una valida alternativa”.

“Voglio fare i miei complimenti - continua il tecnico - sia all’Empoli che al suo allenatore. Ci troveremo di fronte una squadra molto competitiva in grado di giocare un calcio eccezionale. Il club toscano ha una grande propensione offensiva e dunque un alto indice di pericolosità. Per noi non sarà semplice e ho già detto ai miei ragazzi che servirà grande spirito di sacrificio e umiltà. Non dobbiamo pensare all’Empoli ma a noi stessi, dovremo essere bravi a giocare il nostro tipo di calcio impedendogli di fare ciò che è nelle loro corde. Anche all’andata l’Empoli riuscì a metterci in grave difficoltà, nonostante i nostri primi 20 minuti praticamente perfetti. Haksabanovic? E' un giocatore che ha delle caratteristiche simili ad Embalo. Il ragazzo ha talento, ma non voglio parlare di mercato perché in questo momento penso al match contro l’Empoli”.

Empoli-Palermo sarà anche la partita dei record: in Europa infatti oltre al club rosanero, soltanto Napoli e Barcellona sono ancora imbattuti in trasferta, mentre nei campionati cadetti nessuno è riuscito a segnare tanto quanto l’Empoli. 48 gol in 23 partite e gran parte del merito va attribuito sicuramente ai gemelli del gol Caputo e Donnarumma, capaci di segnare in due la bellezza di ben 30 gol. Il vento macedone contro quello italiano. Da una parte i due attaccanti dell’Empoli, dall’altra invece Nestorovki e Trajkovski sicuramente più esperti per partite giocate nel massimo campionato ma al momento meno prolifici. A Bellusci, Struna e Dawidowicz l’arduo compito di fermare la coppia che scoppia. “L’Empoli è una squadra molto concreta con dei giocatori in rosa in grado di fare davvero la differenza. A mio avviso – confessa – la squadra di Andreazzoli gioca il miglior calcio della serie B. Per noi sarà comunque un motivo d’orgoglio andare in Toscana per centrare i tre punti. Qualunque sia il risultato per me non cambierà assolutamente nulla. Il nostro percorso va oltre la partita di venerdì sera e sicuramente non sarà un match decisivo”.

Quello che è mancato al Palermo in questo momento è sicuramente la spinta macedone. Trajkovski fa a “botte” con la sua discontinuità, mentre Nestorovski è a secco da più di due mesi. “Non penso che i miei attaccanti siano in crisi, anzi. Sono molto contento ad esempio di come stia giocando ultimamente Trajkovski. Contro il Brescia - spiega Tedino - non l’ho di certo sostituito per la rete sbagliata, ma per inserire un giocatore diverso come Moreo in grado di proteggere il pallone e far ripartire la squadra. Nestorovski invece deve stare assolutamente tranquillo. Lui gioca per la squadra e non penso stia soffrendo più di tanto il fatto di non trovare il gol da qualche partita. Per noi è molto importante avere a disposizione il macedone, perché si sacrifica sempre per il gruppo e in campo non si risparmia mai. Certo, per un attaccante non è bello non segnare, ma sono sicuro che il gol arriverà”.

Tedino intanto si coccola sia Posavec che Chochev. Questo è sicuramente il loro momento e dopo qualche critica di troppo – tal volta anche ingiusta - sia il portiere croato che il centrocampista bulgaro stanno finalmente sbocciando. “Sono dell’idea che Chochev possa migliorare ancora tantissimo. E' un giocatore con delle qualità immense che rispecchia tantissimo il mio modo di interpretare il calcio. Mi piacerebbe vederlo ancora più completo anche se migliora di partita in partita. Posavec invece non è affatto una sorpresa per me. Io valuto sempre il lavoro settimanale e non ho mai avuto dubbi sulle sue qualità. Adesso sarà importante valutare la sua continuità di rendimento, ma sono abbastanza tranquillo anche perché – confessa – credo stia imparando tantissimo da Pomini”.

Haksabanovic-Palermo: salta la trattiva

Il centrocampista montenegrino virtualmente era già un giocatore del club rosanero. Sul più bello però (i due club stavano per scambiarsi gli appositi documenti) il West Ham avrebbe clamorosamente deciso di fare un passo indietro, comunicando al ds Lupo l’intenzione di trattenere il giocatore 18enne. Haksabanovic ad oggi non è ancora riuscito a esordire in Premier League e il trasferimento in Sicilia sembrava poter fare felice sia il club londinese che quello rosanero oltre che il giocatore. Alla fine però ad avere la meglio sarà la volontà del West Ham. In queste ultime ore di mercato (il gong scocca alle 23) il Palermo proverà a portare in Sicilia Samuel Di Carmine. Una trattativa più che complicata e molto dipenderà dal futuro di Han giocatore nordcoreano che potrebbe passare alla Juve.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo a Empoli per allungare, Tedino: "Partita tosta, ma non decisiva"

PalermoToday è in caricamento