menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eccellenza, Cus Palermo superato di misura a Mazara

Universitari battuti da una delle big del girone A solo grazie ad un discusso penalty concesso alla fine del primo tempo. Ottima reazione nella ripresa, culminata con un palo di Rizzo a pochi istanti dalla fine

Sconfitta di misura per il Cus Palermo a Mazara, seppur con ampi tratti positivi vista la caratura dell'avversario e la reazione fornita nella ripresa. Per il gruppo di Marco Aprile un ulteriore segnale di forte ripresa, che dal punto di vista della prestazione dà continuità a quanto visto la scorsa settimana, contro il Mussomeli.

Gara equilibrata nelle prime battute, il pubblico di casa si fa sentire, spingendo i canarini verso un aumento della pressione e dell'intensità col passare dei minuti. Tra le fila del Cus Palermo da segnalare l'esordio di Gianluca Cardinale, trequartista di spessore proveniente dall'Alcamo. Le occasioni da gol nitide non arrivano copiose e si avverte la sensazione che può essere un episodio a sbloccare il parziale. Così è, infatti, al minuto 39', quando il direttore di gara Vella, assegna un penalty ai gialloblu, che tanto fa arrabbiare Aprile. Dal dischetto si presenta Bono, che trasforma per l'1-0.

Nella ripresa il Cus tenta di rispondere, andando alla ricerca del pari. La rezione c'è, anche se l'appuntamento con il gol non si concretizza. Prima è il Mazara a sfiorare il gol con una bella ripartenza, ma la battuta termina alta sulla traversa. Quindi sarà Rizzo su calcio piazzato a rendersi pericoloso. Prima con un tentativo diretto parato, poi nel finale la grande occasione per l'1-1. La punizione del laterale palermitano viene deviata con una piccola incertezza da Iacono, la sfera colpisce il palo, ma il rimbalzo strano successivo non permette a Vitale di ribadire in rete. Al triplice fischio è 1-0 Mazara, ma la ripresa del Cus Palermo, sul campo di una delle big del campionato, lascia ben sperare. Personalità e coraggio, il pari nel finale non avrebbe fatto urlare nessuno allo scandalo.

Adesso sarà la volta della sfida contro, probabilmente, la candidata numero uno alla vittoria del campionato. Quel Gela che oggi ha battuto 4-0 il Dattilo. Una sfida da affrontare a viso aperto e senza paura, col coraggio di chi non ha nulla da perdere, ma tanta voglia di stupire. Continuando a macinare gioco come fatto oggi a Mazara. Questa è la strada giusta.

(Fonte: Alessandro Castellese, addetto stampa Cus Palermo)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento