Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport Resuttana-San Lorenzo / Viale del Fante

Palermo, Diamanti si prepara alla sfida contro il Bologna: "Pronto per i 90 minuti"

Il capitano rosanero, dopo la sosta di campionato, affronterà al Dall'Ara una squadra a lui cara. Non vuole sentire parlare di sfortuna e invita i compagni a "mostrare i denti": "Dobbiamo lottare su ogni pallone come se fosse l'ultimo"

"Dispiace non aver ancora segnato, ma il gol non è un ossessione. Contro il Bologna sarà una partita speciale". Torna a parlare in conferenza stampa il capitano del Palermo Alessandro Diamanti. Chi meglio dell’ex fantasista di Livorno, Bologna e Atalanta, il giocatore con maggiore esperienza dei rosa in un gruppo composto perlopiù da giocatori giovani, può sapere cosa serve a questo Palermo per potersi salvare: "Bisogna sicuramente lottare su ogni pallone come se fosse l’ultimo. Bisogna rimanere concentrati e motivati. Il campionato è ancora lunghissimo e basta poco per ribaltare i pronostici. Soltanto attraverso il lavoro riusciremo ad uscire da questo momento. In settimana lavoriamo benissimo, la domenica invece commettiamo degli errori che in questo momento stiamo pagando al cento per cento. Ho la sensazione che la squadra scenda in campo con la preoccupazione di non riuscire a vincere. C’è poco da dire: vogliamo vincere ma non ci riusciamo. Ognuno di noi dovrà fare sicuramente di più", afferma il capitano del Palermo. 

Diamanti non vuole assolutamente sentir parlare di sfortuna: "Non credo a questo tipo di cose. Nel calcio gli infortuni sono all’ordine del giorno. In serie A ci sono tantissimi giocatori indisponibili, queste cose non capitano soltanto al Palermo". Rosanero che, dopo la sosta, sfideranno il Bologna di Donadoni. Per Diamanti sarà sicuramente una partita speciale e nonostante le tantissime presenze in campionato, il fantasista del club di viale del Fante non vorrà affatto mancare: "Premesso che in questo momento penso soltanto al Palermo, non posso nascondere che quella contro il Bologna non sarà una partita come le altre. Tornare allo stadio Dall’Ara dopo diversi anni sarà una bella emozione. Mi sento bene e farò di tutto per esserci. Sono pronto a giocare novanta minuti. Mi alleno sempre con grande voglia ed entusiasmo. E’ chiaro - confessa - che non mi faccia piacere il fatto di non aver ancora segnato con la maglia del Palermo, ma non posso demoralizzarmi per questo. Il mio obiettivo è quello di dare una mano alla squadra. Spero comunque - conclude - di poter dare al più presto una gioia ai miei compagni e ai miei nuovi tifosi".

Diamanti in conferenza stampa ha usato parole "dolci" per il suo allenatore Roberto De Zerbi: "Ci ha conquistato con il lavoro e non con le belle parole. E’ una persona che vive di calcio, schietta e che non ha problemi a dirti le cose in faccia. Si confronta molto con la squadra e cerca di migliorare ognuno di noi. Cura ogni minimo dettaglio e spero che prima o poi i risultati possano dargli ragione". In attesa che torni il campionato, il Palermo partirà in ritiro alla volta di Coccaglio, insieme al presidente Maurizio Zamparini, per preparare la delicatissima partita contro il Bologna in programma domenica 20 novembre. "Sicuramente farà freddo (ride ndr). Con il presidente - svela il capitano - a dire il vero non ci siamo detti tantissimo. Spero ci sia stima reciproca". Il 33enne rosanero, prima di concludere, ha voluto parlare anche del suo compagno di squadra Simone Lo Faso: "Mi piace quando i giovani vengono a chiedermi consigli. Di giovani forti ce ne sono tanti, l’importante però è rimanere sempre con i piedi per terra. Lo Faso - conclude - è un ragazzo in gamba e con la testa sulle spalle. Sa che ancora ha molto da dimostrare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, Diamanti si prepara alla sfida contro il Bologna: "Pronto per i 90 minuti"

PalermoToday è in caricamento