Domenica, 13 Giugno 2021
Sport

Il derby maledetto per i tecnici: tre esoneri negli ultimi tre anni

Cacciati dopo la sfida col Catania Zenga nel novembre del 2009, Cosmi nell'aprile del 2011 e Mangia a dicembre dell'anno scorso. Gasperini fa gli scongiuri. Una storia che inizia con lo 0-4 del Barbera

Devis Mangia, l'anno scorso pagò cara la sconfitta a Catania

Come se non bastasse il carico di emozioni che si porta dietro, il derby di Sicilia negli ultimi tre anni è diventato un vero e proprio incubo per gli allenatori del Palermo. Sono tre i tecnici saltati dopo la sfida col Catania dal 2009 sino ad oggi. Gasperini ovviamente tocca ferro.

Tutto però non è cominciato con un esonero, ma con una figuraccia. E’ il primo marzo del 2009 quando il Palermo con una coppia d’attacco formata da Miccoli e Cavani cade sotto i colpi di Mascara, Morimoto, Paolucci (si tenga in mente questo nome) e Ledesma. Sulla panchina rossazzurra c’è Zenga, su quella rosanero Ballardini. Zamparini quel giorno s’innamora del primo e prepara le carte per il divorzio dal secondo.

Coach Z, ex Uomo Ragno, si presenta con una conferenza stampa in cui annuncia di poter puntare allo scudetto. Propositi che affondano, guarda caso, dopo un pari per 1-1 nel derby del 22 novembre 2009. Domenica pomeriggio segnano Migliaccio e Martinez, Zenga viene cacciato il lunedì mattina dopo 17 punti in 12 partite. Oggi sarebbero oro colato per il Palermo che però quell’anno puntava a ben altri obiettivi.

Con Delio Rossi lo scontro coi cugini non è un incubo. Il Palermo si toglie un paio di soddisfazioni al Barbera con Miccoli e Pastore (tripletta il 14 novembre del 2010) protagonisti. Ma il 3 aprile 2010 a guidare i rosa al Massimino c’è Serse Cosmi. Arrivato al Palermo, il verace Serse nella hall dell’albergo dove il Palermo è in ritiro incrocia Paolucci (quello dello 0-4 per il Catania) e chiede: “Ma chi è questo?”. Un attaccante, ma forse anche un talismano rossazzurro. Perché il risultato si ripete: 4-0 per il Catania e Cosmi esonerato. Torna Rossi che porterà la squadra alla storica finale di Coppa Italia.

L’ultima vittima del derby è Devis Mangia. L’anno scorso a pochi giorni dal Natale addenta una fetta di pandoro nella conferenza stampa del sabato. Come a dire “avete visto che ce l’ho fatta a resistere?”. L’indomani un Palermo abulico incassa i gol di Lodi e Maxi Lopez. Zamparini chiama Mutti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il derby maledetto per i tecnici: tre esoneri negli ultimi tre anni

PalermoToday è in caricamento