Coronavirus, per canottieri e velisti del circolo Lauria allenamenti in un mare... digitale

Gli atleti del club lavorano da casa, con sistemi di messaggistica come Skype o WhatsApp. Grazie ai collegamenti via web i tecnici propongono alcuni semplici esercizi e stimolano la condivisione tra compagni di squadra. Il presidente Matracia: "Così ci siamo adeguati ai dettami del decreto"

Non c'è la salsedine, né tanto meno il vento sui volti degli atleti del Lauria. I rimessaggi sono chiusi. Le imbarcazioni ferme. Ma non lo sport. Gli atleti del Club Canottieri Roggero di Lauria, infatti, in qualche modo continuano ad allenarsi, a fare squadra. Tutto questo in un mare assai diverso dal solito. Si lavora da casa, in collegamento web. Ci si serve di sistemi di messaggistica come Skype o WhatsApp. E si mantiene così un contatto continuo con i tecnici e i propri compagni di squadra. Dalla vela al canottaggio, sino alle tavole a vela.

"Alla luce dei provvedimenti del Governo - spiega il direttore sportivo del Circolo, Maurizio Floridia -, abbiamo dovuto ridurre la portata delle attività in tutte le sue manifestazioni: regate, allenamenti e, in ultimo, pure le sedi sociali. È stato duro dire “chiudere tutto”, sospendere ogni programma faticosamente varato per la stagione. Ma nessuno dei nostri atleti deve mollare, anche mentalmente. La stagione non è finita. Pensarlo sarebbe una sconfitta che questo virus non deve poter vantare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con gli atleti vengono condivisi video e suggerimenti. Vengono proposti alcuni esercizi semplici che possono essere eseguiti a casa e da soli. Senza, comunque, trascurare l'aspetto di condivisione che sta alla base di ogni squadra. "Ci ritroviamo in un momento storico che non ha precedenti – commenta Giorgio Matracia, presidente del Club Canottieri Roggero di Lauria -. Dai primi di marzo abbiamo dovuto sospendere le attività del circolo. Ci siamo adeguati ai dettami del decreto e alle indicazioni delle federazioni. Ma dallo Sport, anche in questa occasione, ci arriva una lezione importante: si può e si deve andare avanti. Perché come diceva Nelson Mandela, lo Sport può portare speranza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento