rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Sport

A Tedino questo Palermo piace: "Gruppo unito, mercato? Solo acquisti mirati"

A otto giorni dall'esordio in campionato il tecnico fa il punto: "Sono soddisfatto di come stanno lavorando i miei giocatori, non serve comprare tanto per farlo". Caso Rispoli: "Ha passato un periodo di sana confusione". Grana Nazionali, Lupo: "Speriamo che Tavecchio faccia qualcosa"

Mancano soltanto otto giorni, poco più di una settimana e per il Palermo sarà davvero tempo di iniziare a fare sul serio. Prima, però, l'ultimo test amichevole contro il Mazara Calcio, in programma domani alle ore 18 a Boccadifalco. Per mister Bruno Tedino sarà l'ultima occasione per ricevere delle risposte positive dalla sua squadra prima di giocarsi i primi tre punti della stagione al Renzo Barbera contro lo Spezia. 

Grana Nazionali

L'argomento del giorno, però, non poteva che non essere la richiesta di Zamparini avanzata nella giornata di ieri al presidente della Figc Carlo Tavecchio sullo spostamento di quattro gare (Brescia-Palermo; Palermo-Parma; Cremonese Palermo e Carpi-Palermo) che andando a coincidere con la sosta della nazionale dimezzerebbero di fatto i giocatori  a disposizione del tecnico rosanero. Tedino, infatti, rischierebbe di giocare diversi match importanti senza l'apporto di  Posavec, Cionek, Struna, Jajalo, Chochev, Aleesami, Trajkovski e Nestorovski. Con il rischio di perdere  anche Lo Faso, La Gumina e Murawski che potrebbero essere convocati dalle rispettive nazionali giovanili.

A fare chiarezza è stato il ds Fabio Lupo intervenuto in conferenza stampa al fianco di Bruno Tedino. “Abbiamo inviato una lettera a Tavecchio spiegando come gli impegni delle nazionali  potrbbero falsare il nostro campionato. Fra convocati e convocabili arriviamo circa a dodici giocatori e tutto ciò non può che arrecarci dei danni. Tutto questo non può che essere evidente e agli occhi di tutti.  L'articolo 48 delle normative federali  - spiega Lupo - prevedeva l'obbligo delle società di schierare la miglior formazione possibile, tant'è che abbiamo fatto leva anche su questo. Per questo abbiamo chiesto a Tavecchio di spostare alcune partite. Abbiamo deciso di rivolgerci a lui poiché al momento è  lui il massimo esponente del movimento calcistico nazionale e dunque Zamparini ha voluto scrivere direttamente a lui piuttosto che al presidente della Lega serie B. Il nostro non è un problema tecnico ma regolamentale. E' giusto che alcune squadre sfidino il Palermo con la rosa completa e altre con la rosa del club dimezzata? Speriamo in un esito positivo. Comunque siamo sicuri - conclude - che il resto della squadra possa far bene anche senza i 'titolarissimi' ma ci auguriamo che  possa essere fatta giustizia. Le nostre strategie di mercato non cambieranno in base alla risposta del presidente Tavecchio”.

Da Lupo a Tedino. Anche il tecnico rosanero ha voluto dire la sua sulla grana “Nazionali”: “Non è soltanto la singola partita il nostro problema – ha detto Tedino - ma anche la preparazione stessa alla gara.  Saremo in pochi a lavorare senza contare eventuali squalifiche o infortuni. Ci tengo a ribadire una cosa: non si tratta di penalizzare soltanto il Palermo, ma tutte le squadre di B. Perché una squadra può giocare contro il Palermo senza undici giocatori e un altra invece no? Speriamo che possa risolversi tutto”.

Spogliatoio unito

Dagli aspetti extra campo a quelli più tecnici. Dopo un mese pieno di lavoro con il gruppo, Tedino ha potuto ampiamente valutare la rosa, constatando gli sia gli aspetti positivi che quelli negativi. “Gli aspetti positivi finora in un mese di lavoro sono stati sicuramente la disponibilità e la volontà della squadra, ma possiamo migliorare ancora. L'alchimia che si è creata all'interno dello spogliatoio è la cosa più importante in questo momento. Sono molto soddisfatto della fase difensiva ma possiamo e dobbiamo ancora alzare l'indice di pericolosità in avanti. Dobbiamo senza ombra di dubbio attaccare di più la profondità”.

Mercato

A dire se a questa rosa manchi ancora qualcosa potrà essere solo e soltanto il campo. Sulla possibilità di ricevere ulteriori “regali” da parte della società Tedino ha detto che “sono soddisfatto dei miei giocatori. E’ chiaro però che se dovessimo trovare un giocatore che possa aggiungere qualità alla rosa non ci tireremo indietro. Comprare tanto per farlo non ha senso e non penso che la società voglia farlo”. Non soltanto mercato in entrata, ma anche in uscita. Più che comprare, il Palermo al momento dovrà inevitabilmente chiarire alcune questioni: una su tutte quella legata al futuro del terzino rosanero Andrea Rispoli. “Rispoli ha passato un periodo di sana confusione – ha confessato Tedino - ma si è sempre allenato con quella serietà che lo contraddistingue. Qualora dovesse restare  non sarebbe affatto un problema per noi.  I giocatori bravi sono quelli che in campo fanno vedere di essere più capaci degli altri. Sia Rispoli che Morganella hanno in testa un unico obiettivo: quello di vincere il campionato con il Palermo”.
 
Un occhio al reparto arretrato e un altro a quello offensivo. “In attacco potrebbe non arrivare nessuno”, parola di mister Tedino. “In avanti – ha detto il tecnico rosanero abbiamo diverse alternative. A Cagliari si è sicuramente sentita l’assenza di Coronado, ma stiamo lavorando anche su questo. L’italo-brasiliano è un giocatore che vuole sempre la palla fra i piedi. Senza palla fa un po' più di fatica. Il sostituto ideale di Coronado, più che Lo Faso che ha caratteristiche tecniche completamente diverse, potrebbe essere proprio Murawski. Le qualità di Lo Faso non si discutono. Simone ha  grande tecnica  e grande forza fisica ed è consapevole del fatto che sia io che la società crediamo tantissimo in lui. Una volta migliorato nella comprensione del gioco per il Palermo sarà sicuramente una pedina importante”.

Palermo che nel corso della stagione potrebbe anche cambiare abito, schierando contemporaneamente si La Gumina che Nestorovski. “Giocare con due punte non è un discorso impensabile. A Cagliari l’ingresso di La Gumina ci ha dato delle indicazioni importanti. Nino è un giocatore importante per noi e su questo non ci sono dubbi.  Mi piace la sua sfrontatezza e il modo in cui attacca la profondità. Il Palermo, però non ha soltanto Nestorovski e La Gumina. Al momento – conclude Tedino - stiamo cercando di recuperare anche altri giocatori come Embalo e Balogh”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Tedino questo Palermo piace: "Gruppo unito, mercato? Solo acquisti mirati"

PalermoToday è in caricamento