Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

Baccaglini rompe il silenzio: "Closing? I 'tecnici' ci hanno chiesto più tempo..."

L'ex Iena torna a parlare per fare il punto sull'operazione che non si sblocca: "Ci stiamo adoperando in ogni modo per velocizzare il passaggio di proprietà, dall’altro ci stiamo soffermando su ogni minimo dettaglio della futura gestione"

Che fine ha fatto Paul Baccaglini? Un closing annunciato per il 30 aprile e posticipato per questo fine settimana. Dell’ufficialità, però, neanche l’ombra. L'ex Iena però rompe il silenzio e sul sito del Palermo cerca di fare chiarezza: "Come già ricordato in altre occasioni, confermo che in questo momento l’agenda di lavoro viene dettata dai tecnici impegnati nel completamento della due diligence. Come è di prassi in questi casi, c’è un intero team dedicato che si sta occupando di ultimare la due diligence che riguarda tutta la società e le sue attività. Si lavora sui dettagli non solo finanziari, ma anche legali, commerciali, eccetera".  

Baccaglini una settimana prima della data prefissata per la chiusura dell’operazione aveva manifestato l'intenzione di voler anticipare il closing di qualche giorno per iniziare a progettare la rinascita del Palermo. "I tecnici al lavoro - ammette adesso Baccaglini - ci hanno chiesto più tempo e le parti stanno lavorando al cento per cento per soddisfare tutte le richieste con grande tempestività, così da accelerare la chiusura delle operazioni. Una richiesta del tutto coerente all'importanza dell’investimento. Da un lato ci stiamo adoperando in ogni modo per velocizzare il passaggio di proprietà, dall’altro ci stiamo soffermando su ogni minimo dettaglio della futura gestione, così da garantire una stagione pienamente positiva già a partire dal campionato 2017/2018".

Serve fretta anche perché il Palermo deve quanto prima iniziare a programmare questo famosissimo piano “B” iniziando a capire da quali giocatori dovrà ripartire il club di viale del Fante. Rispoli e Nestorovski sono in cima alla lista di Baccaglini, senza tralasciare l’importanza che giocatori come Lo Faso, Bentivegna, Pezzella e La Gumina potrebbero dare in serie B al club rosanero. Quello che i tifosi rosanero potranno vedere l’anno prossimo, infatti, sarà sicuramente un Palermo versione “young” a cominciare dal presidente. Per partire, o ri-partire, però, non rimane che attendere il closing. Sperando che proprio all’ultimo Baccaglini e Zamparini non incontrino degli ostacoli che possano far saltare una trattativa davvero infinita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baccaglini rompe il silenzio: "Closing? I 'tecnici' ci hanno chiesto più tempo..."

PalermoToday è in caricamento