Sport

Palermo, Lo Faso fa le valigie: trovato l'accordo per la cessione al Sassuolo

Tedino, che lo aveva "scoperto", dovrà fare a meno di lui. Dopo una carriera in rosanero, dai Pulcini alla Primavera, e nonostante le dichiarazioni dell'anno scorso ("Per il Palermo darò sempre il massimo"), Lo Faso passerà alla corte di mister Bucchi

Simone Lo Faso

Lo Faso fa le valigie e si preparaa a vestire la maglia del Sassuolo. Manca davvero poco al passaggio del talento palermitano in Emilia Romagna, ma una cosa è certa: il club rosanero, anche questa volta, non avrà il suo Totti "in miniatura" o il suo piccolo Insigne. Difficilmente si diventa profeti in patria, ma la storia d’amore fra Lo Faso e il Palermo avrebbe meritato sicuramente un finale diverso.

Dai Pulcini agli Esordienti, dalle Giovanili agli Allievi e dalla Primavera alla prima squadra. Una vita colorata di rosanero insomma, tanto che alla prima conferenza di Lo Faso al Renzo Barbera il giocatore diciannovenne esordì dicendo che “lottare per la maglia della propria città è qualcosa di fantastico. Per il Palermo darò sempre il massimo”.

L’anno scorso fu l’unica nota lieve di un campionato più che disastroso e chiunque pensò, vedendolo giocare in casa contro il Milan, che quel ragazzo un giorno avrebbe fatto felice un’intera città. Un giorno neanche troppo lontano, magari in serie B pensavano i tifosi mentre la barca iniziava ad affondare. Quale migliore occasione per crescere e farsi le ossa se non nel campionato cadetto e per di più con un tecnico bravo e preparato come Bruno Tedino?

L’allenatore, fra l’altro, lo conosceva già dai tempi della Nazionale Under 17 (fu proprio lui a “scoprire” Lo Faso). Tanto che, non appena arrivato in Sicilia, il tecnico friulano disse di puntare tantissimo su un talento raro e pure come quello dell’attaccane diciannovenne. Eppure qualcosa si è rotto, forse da tempo. Dalla passata stagione magari quando, nonostante l’ottimo impatto, con la massima serie, Lo Faso si trovò a sedere più di una volta in panchina.

(nella foto in basso, da sinistra, Lo Faso e Nestorovski)

Lo Faso e Nestorovski Palermo-Milan 1-2-3

Nonostante la giovane età il talento palermitano ha già messo d’accordo tutta l’Italia e diviso a metà la città di Palermo: da una parte chi si schiera con Lo Faso scagliandosi contro il patron Zamparini e l’idea di privarsi in maniera così prematura di un così raro talento. Dall’altra, invece, chi pensa che l’attaccante rosanero si sia “montato” la testa, dando dunque ragione all’imprenditore friulano che tre giorni fa ha dichiarato: “Lo Faso ormai non ha più la testa al Palermo. Non si allena neanche bene”.

Dopo l’interessamento del Monaco, dell’Inter e della Juve, Lo Faso è pronto ad andare al Sassuolo alla corte di mister Bucchi per continuare a far parlare di sé e dei suoi meravigliosi tocchi di palla probabilmente degni di un vero campione. Tra le ultime cessioni quella di Antony Angileri, difensore di 16 anni, definito dai palermitani il "nuovo Bonucci": ad acquistarlo la Juventus, che ha battuto la concorrenza di Manchester City e Manchester United.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, Lo Faso fa le valigie: trovato l'accordo per la cessione al Sassuolo

PalermoToday è in caricamento