menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cesare Maldini

Cesare Maldini

Addio a Cesare Maldini, il suo destino era legato a Palermo

Esordio alla Favorita da calciatore e da allenatore della Nazionale, morto a 84 anni. Una volta disse: "Quaggiù è come ritrovare i passi perduti..."

La sua "altra vita" era iniziata a Palermo in una tiepida sera di gennaio con 20 gradi e 37 mila spettatori. Esordio da ct a 65 anni, l'emozione durante l'inno nazionale, un nuovo capitolo di una carriera infinita che si apre. Flashback datato 1997: viene su all'improvviso nella domenica mattina che inizia nel modo peggiore. Cesare Maldini, bandiera del Milan, se n'è appena andato. Un giorno triste per il nostro calcio.

Perdiamo un simbolo del pallone che non c'è più. "Cesarone" aveva un legame particolare con Palermo. Lui, giuliano di nascita (originario di Trieste, dove era nato nel 1932) e milanese d'adozione, scelse la Favorita per l'esordio da ct dell'Italia. A 65 anni, decise di celebrare il grande debutto in viale del Fante, in un'amichevole di preparazione al mondiale '98, contro l'Irlanda del Nord. Alla fine fu un bagno di folla. Applausi, esperimenti (5-3-2 con Ciro Ferrara libero) e vittoria. "Ho voluto che tutto iniziasse quaggiù per ricambiare l'incitamento ricevuto pochi mesi fa". Il riferimento del ct era a un famoso Italia-Portogallo del 1996, spareggio per le Olimpiadi di Atlanta. C'era freddo, vento e... Vieri. L'Italia vinse, Palermo diede una grossa spinta, e "Cesarone" non dimenticò. Quella partita valse anche l'ingresso nelle finali europee e poi sarebbe arrivato il terzo titolo continentale di fila.

Ma quello che è incredibile è che anche a Palermo cominciò la storia del Maldini calciatore. Era il 24 maggio 1953, la partita era Palermo-Triestina e lui indossava ancora la maglia della squadra della sua città. "Palermo? Per me è come ritrovare i passi perduti perché da qua tutto è iniziato". E lui, il primo italiano ad alzare al cielo la Coppa dei Campioni, ha scelto proprio il giorno sacro del pallone per andarsene. Addio, Cesare.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento