Sport

E' tornato Cecchinato, vittoria a Lisbona e dedica allo zio morto: "Gabri, questo è per te"

Il tennista palermitano - protagonista di una settimana da sogno nel challenger palermitano - non dimentica Gabriele Palpacelli, scomparso lo scorso aprile

Una settimana da sogno. Marco Cecchinato è tornato. Il tennista palermitano ha trionfato nel challenger di Lisbona dopo avere surclassato tutti i suoi avversari senza mai concedere un set. Ieri la conclusione perfetta con la vittoria con l'olandese Van Assche, battuto con un facile 6-3, 6-3. Un match senza storia.

L'azzurro prima si era sbarazzato in sequenza del giovane polacco Michalski, poi al secondo turno l'affermazione nel derby con Mager. Quindi Ceck ha superato lo scoglio rappresentato dallo spagnolo Taberner ai quarti, e si era guadagnato la finale superando il kazako Skatov in semifinale.

Con questa vittoria Cecchinato fa un balzo di 23 posti in classifica: adesso è il numero 114 del mondo. Niente a che vedere con il suo best ranking (numero 16) ma la settimana portoghese fa intravedere incoraggianti segnali di rinascita per il 30enne palermitano. Che al termine della finale vinta ha voluto dedicare un pensiero allo zio Gabriele Palpacelli, presidente del Comitato regionale siciliano per 12 anni e poi eletto in Consiglio federale, che è scomparso lo scorso aprile: "Grazie a tutti quelli che continuano a credere in me - ha scritto Ceck sui suoi profili social -. Questo, Gabri è per te che fai sempre il tifo da lassù".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' tornato Cecchinato, vittoria a Lisbona e dedica allo zio morto: "Gabri, questo è per te"
PalermoToday è in caricamento