Palermo, dove eravamo rimasti? Boscaglia dà un calcio al Covid: "A Catanzaro per giocarcela"

Trasferta infrasettimanale per i rosanero, l'allenatore è appena guarito dal Coronavirus: "Partiremo in 17, naturalmente qualcuno giocherà fuori ruolo. Dobbiamo essere già felici del fatto di poter mettere una squadra in campo"

La luce in fondo al tunnel. Il Palermo si ricompone e dalle parti di viale del Fante torna finalmente d’attualità il tema del calcio giocato dopo aver fatto la conta dei positivi all’interno dello spogliatoio. Anche Boscaglia sta bene ed è ufficialmente guarito e adesso fra mille incognite (come ad esempio la condizione fisica dei suoi giocatori) potrà pensare a preparare l’undici anti-Catanzaro (calcio d’inizio domani alle ore 17.30). "Questa situazione ci darà una spinta in più, andiamo a giocarcela a Catanzaro", ha detto il tecnico gelese che domani sarà assente per via della squalifica. 

E' tangibile l’ottimismo di Boscaglia, che da questa situazione cerca comunque di trarne gli aspetti migliori. E in questo senso le notizie più confortanti arrivano certamente dalla difesa. Reparto maggiormente colpito dal virus che adesso però potrà contare su pedine importanti, come Accardi, Peretti, Doda e Marconi.  Le condizioni di chi è rimasto a casa in questi giorni però restano un rebus. “Sicuramente – ha detto Boscaglia in sala stampa – abbiamo delle defezioni che non ci devono e non dovranno assolutamente intimorire. Partiremo in 17 giocatori. Sono convinto che siamo una squadra competitiva e per questo ai ragazzi ho detto che andremo a Catanzaro a giocarci le nostre chance. La squadra mi è sembrata serena e focalizzata sulla gara. La situazione che ci ha colpiti – continua -  c’è in tutto il mondo. Svilupperemo sicuramente un nuovo modo di pensare, di vivere e anche di lavorare. Ho vissuto questo periodo in isolamento, con gli altri giocatori. Ho cercato di rendere il tempo libero, interessante. Alla fine è andata bene”.

A Catanzaro per giocarsela a viso aperto con gli avversari dunque. Anche perché, Covid a parte, a Palermo è tempo di tornare a pensare ad una classifica travagliata che vede i rosanero impelagati nei bassi meandri con un solo punto all’attivo. “So benissimo perché stiamo vivendo questa situazione in classifica. E purtroppo ci sta. In questi giorni ho avuto modo di pensare, vedere tante partite Abbiamo fatto un’ottima partita a Terni e tre meno buone. Sicuramente, a parte la prima, le altre due non abbiamo meritato di perdere ma ci può stare. Sappiamo che le nostre potenzialità sono tante. Ora dobbiamo ricompattarci e lavorare come sappiamo. Questa situazione che ci è capitata ci darà una spinta in più”.

Spinta in più che Boscaglia si augura possa arrivare dal suo 4-2-3-1, “naturalmente con qualche giocatore che giocherà fuori ruolo”, ha precisato poi il tecnico rosanero. Come nel caso di Palazzi, centrocampista recuperato dall’infortunio di inizio stagione che si appresta a “scalare” in difesa, per tappare qualche buco di formazione. “Intanto – precisa - dobbiamo essere già felici del fatto di poter mettere una squadra in campo. Le motivazioni poi dovranno fare la differenza. Dobbiamo dare quel qualcosa in più. Domani ci sarà qualcuno che giocherà in un ruolo non suo ma lo farà con grande voglia. Noi dobbiamo essere bravi, sapendo che contro c’è una squadra forte, esperta, ferita e arrabbiata. Mi aspetto un Catanzaro voglioso e aggressivo, vorranno cercare di vincere, hanno tanto giocatori esperti. Noi dal canto nostro – conclude – sappiamo che questa situazione che ci è capitata ci darà una spinta in più”.

Qui Palermo

Almici e Crivello sono sempre stati in gruppo, in più altri due centrali torneranno a disposizione. Notizie sufficienti a Boscaglia per disegnare il proprio quartetto difensivo. Davanti a Pelagotti infatti presiederanno Marconi e Palazzi, con Crivello a Almici sulle corsie. Broh e Odjer a centrocampo con Kanoute, Valente e Rauti alle spalle dell’unica punta Saraniti. 

Qui Catanzaro 

Otto punti in sei partite. Classifica bilanciata per i calabresi che al momento vantano due sconfitte, due vittorie due pareggi. Ma la squadra di mister Calabro vorrà certamente riscattarsi dopo aver subito una sonora sconfitta per 5-1 contro la corazzata Ternana. Fiducia al 3-5-2 con Di Massimo e Curiale in attacco. 

Le probabili formazioni 

CATANZARO (3-5-2): Branduani; Fazio, Martinelli, Pinna; Garufo, Verna, Corapi, Altobelli, Contessa; Di Massimo, Curiale.

PALERMO (4-2-3-1): Pelagotti; Almici, Palazzi, Marconi, Crivello; Broh, Odjer; Kanoute, Rauti, Valente; Saraniti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento