Sport

Caos ricorsi in serie B: "Campionato sospeso da Tar... anzi no"

Il presidente del Collegio di Garanzia del Coni Frattini in un'intervista radio aveva annunciato "la sospensione del campionato cadetto da parte del tribunale regionale". Poi la parziale retromarcia: rinviate solo quelle interessate direttamente dai ricorsi

Franco Frattini

Continua il caos in serie B e in serie C. In un primo momento si era addirittura ventilata l'ipotesi di una sospensione del campionato, ma le cose non stanno proprio così. Alcune partite, quelle interessate direttamente dai ricorsi, saranno sospese e dunque rinviate. Mentre venerdì  il collegio di garanzia prenderà una decisione definitiva. Quindi il Palermo sarà regolarmente in campo sabato alle 15 al Barbera contro il Perugia.

Questa mattina il presidente del Collegio di Garanzia del Coni, Franco Frattini, in un’intervista a InBlu Radio - il network delle radio cattoliche della Cei - in merito alle questione dei ripescaggi della serie B aveva detto: "Il fatto nuovo - ha spiegato Frattini - è che il Tar del Lazio oltre che sospendere la sentenza ha sospeso il campionato. E’ chiaro che se noi dovessimo aspettare la data dell’ordinanza collegiale che il Tar ha stabilito al 9 ottobre vuol dire che fino al 9 ottobre non si giocherebbe la serie B. E questo mi sembra impossibile sotto il profilo della passione sportiva di milioni di tifosi. Quindi venerdì 21 settembre il Collegio di garanzia riesaminerà la questione in una composizione completamente nuova. Non presiederò io ma il componente più anziano d’età. Il Collegio deciderà se la serie B sarà a 22 o 19 squadre. Se si dovesse decidere che la B dovrà essere composta da 22 squadre, lunedì prossimo si deciderà quali saranno le 3 squadre su 6 che dovranno essere ripescate. Noi - conclude Frattini - non facciamo politica sportiva ma guardiamo alle norme".

Poi lo stesso Frattini ha, almeno parzialmente, fatto una retromarcia via Twitter:  “Non è ovviamente sospesa l’intera serie B – ha scritto Frattini in un tweet – ma le partite di tutte le squadre parti nelle varie cause… quelle che avrebbero dovuto giocare in C ad esempio ma aspirano alla B, non hanno giocato e non giocheranno neppure in C fino al verdetto… dunque, urge decidere. Siccome ad ogni turno eventuali recuperi si complicherebbero, tutta la B è” perturbata”, perciò ho fissato (la riunione di Giunta, ndr) con assoluta urgenza. La Figc però si oppone e chiede al Tar la revoca del decreto cautelare e della mia convocazione. Vediamo…”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos ricorsi in serie B: "Campionato sospeso da Tar... anzi no"

PalermoToday è in caricamento