Il Palermo insegue il jolly d'attacco: piace Kanoutè, trattativa ad oltranza con il Catanzaro

I dirigenti rosanero avrebbero già raggiunto un accordo di massima col calciatore (120 presenze in C), ma non con il club proprietario del cartellino. Si punta a chiudere l'acquisto prima dell'esordio di domenica prossima sul campo del Teramo

Mamadou Kanouté

Mamadou Kanouté, 27 anni a ottobre, attaccante senegalese con una discreta militanza in C, è il candidato numero uno per diventare il prossimo jolly offensivo di mister Boscaglia. Il Palermo avrebbe già raggiunto un accordo di massima col calciatore, ma non con il club proprietario del cartellino: il Catanzaro. 

Per questo saranno decisive le prossime ore. O meglio, i prossimi contatti con la Calabria. Dopo aver portato Odjer in Sicilia (questo pomeriggio l’ex granata verrà presentato alla stampa), adesso Sagramola e Castagnini dovranno trattare a oltranza con il Catanzaro per regalare a Boscaglia il tanto agognato attaccante. La speranza è che l'affare possa essere definito prima dell’esordio di domenica prossima sul campo del Teramo.

Seconda punta, ala destra e ala sinistra: l’attaccante senegalese entrato di prepotenza nel mirino del club rosanero in attacco può davvero giocare in ogni zolla del campo. Duttile come pochi, Kanoutè in carriera ha disputato oltre 120 presenze in C, trovando un discreto rapporto con il gol. Numeri alla mano l’ex Catanzaro e Benevento non sarà certamente quel bomber di razza di cui Sagramola parlava già questa estate, ma potrebbe comunque non avere rivali tra le fila rosanero per gamba e partecipazione al gioco.

Kanoutè al momento è seguito anche da grandi club come Bari e Catania. “Vorrei un attaccante che possa correre tutto campo”, disse Boscaglia il giorno della presentazione al Barbera. Un mese dopo il Palermo è pronto a battere un colpo importante in attacco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento