Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sport

Mangia: "Ricomincio da Miccoli Non ho paura e penso all'Inter"

Presentato l'allenatore che sostituisce Pioli: "Soluzione ponte? Non la vivo come una zavorra, provo a riportare entusiasmo". Barreto, Della Rocca e Alvarez: "Un onore essere qui"

Barreto, Della Rocca e Alvarez

"Miccoli è il mio capitano. E da qui parto. E poi n'amu arruspigghiari u sangu, non si dice così svegliarsi a Palermo?". Chiamalo traghettatore, chiamalo allenatore "ponte", chiamalo come vuoi, Devis Mangia, 37 anni, tecnico fino a ieri della Primavera, catapultato su una delle panchine più calde della serie A si presenta senza mostrare timidezza.

Il patron Zamparini ha la testa a Rossi e a Ranieri, ma lui non teme nulla. "Non vivrò questa situazione come una zavorra. Penserò a lavorare sodo e a riportare entusiasmo. Ho la testa già all'Inter". Mangia suona la carica, insomma: "I giocatori che ho a disposizione sono i migliori che ho. Miccoli? E' il mio capitano, un punto di riferimento, non è assolutamente un caso per me". Mangia non ha chiesto consigli a Pioli. "Non è nelle mie abitudini, preferisco farmi un'idea mia senza condizionamenti, conosco solo un elemento della squadra che ho avuto nelle giovanili del Varese (Pisano, ndr), ma giocherà chi starà meglio". Proprio nella Primavera del Varese, il nuovo allenatore dei rosanero ha dato spettacolo giocando col classico 4-4-2. "Sì, è il mio modulo ideale - afferma Mangia - ma prima di capire come giocherò voglio tastare le caratteristiche di tutti i miei giocatori".

Tra questi anche i tre nuovi arrivi Barreto, Della Rocca e Alvarez, presentati anche loro alla stampa oggi. Per tutti loro, "un onore essere qui". Il paraguaiano che ha scelto la maglia numero 5 si descrive così: "So giocare ovunque a centrocampo, anche se preferisco stare sulla destra. Io regista? Cercherò di fare bene quello che mi chiede il mister". L'italiano, maglia numero 7, tra le rivelazioni dello scorso campionato è invece "una mezzala sinistra, ma ho giocato anche da mediano davanti alla difesa o da trequartista". Infine l'ala "Speedy" Alvarez, honduregno che avrà  il numero 90. "Corro i 100 metri sotto gli undici secondi, ma quest'anno dovrò soprattutto migliorare il rapporto con il gol".  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mangia: "Ricomincio da Miccoli Non ho paura e penso all'Inter"

PalermoToday è in caricamento