Palermo su Andreolli e Diakitè, carica Simic: "Voglio sangue fresco"

Piace anche Grassi, in partenza Hiljemark, Chochev e Bouy. Resta invece Bruno Henrique. Parla il consulente personale di Zamparini: "Nestorovski mi ricorda Inzaghi, credo nella salvezza"

Mobido Diakitè

“Contro l’Empoli sarà una finale. Quattro punti di distanza non sono tantissimi. Alla squadra serve serenità”. Ultime ore di relax per i ragazzi di Corini. Il 30 dicembre, infatti, il Palermo tornerà ad allenarsi in vista del delicatissimo impegno contro il club toscano. Intanto, ai microfoni ufficiali del club rosanero il consulente personale del patron Zamparini, Dario Simic ha parlato del lungo cammino che attende il club di viale del Fante.

“Contro il Genoa – afferma l’ex difensore di Inter e Milan – abbiamo disputato un’ottima partita. Dispiace non aver vinto contro il Pescara, ma i quattro punti raccolti in due partite danno sicuramente morale. Sappiamo che ogni partita sarà una finale, soprattutto quella con l’Empoli, ma quello che mi sento di dire è che credo fortemente in questa salvezza”. Il calciomercato e alle porte e per il Palermo sarà di fondamentale importanza intervenire quanto prima per puntellare una rosa che necessità almeno di un rinforzo per reparto. A tal proposito Simic ha detto che “a questa squadra serve del sangue fresco. Dovremo essere bravi a portare innesti mirati per migliorare la rosa”.

Nessun nome, nessuna certezza soltanto tanti punti interrogativi. Più che per il mercato in entrata, il Palermo, al momento, sembrerebbe muoversi per quanto concerne le uscite: Hiljemark con ogni probabilità partirà. Stessa sorte potrebbe toccare al centrocampista bulgaro Chochev. Da capire invece il futuro del centrocampista scuola Juve, Bouy, uno dei tanti oggetti misteriosi di questo Palermo. Niente ritorno in Brasile per Bruno Henrique. Il centrocampista ex Corinthians entrato nei giorno scorsi in orbita San Paolo, con ogni probabilità rimarrà in Italia almeno fino a giugno.

Zamparini dovrà decidere se soddisfare le richieste di Eugenio Corini oppure no. I problemi in difesa sono agli occhi di tutti. I nomi caldi sembrerebbero essere quelli di Marco Andreolli (30 anni, giocatore in forza all’Inter) e Modibo Diakitè (29) attualmente svincolato. A centrocampo invece c’è bisogno di qualcuno che sappia saper fare girare il pallone. Un giocatore alla “Corini” tanto per intenderci. Cigarini, già cercato in estate dal club rosanero, potrebbe tornare di moda. Sul giocatore ex Atalanta, però, ci sono tantissime altre squadre italiane. David Pizarro, invece, più che un’idea sembrerebbe essere una suggestione di mercato. Non è da escludere però, che Zamparini possa decidere di virare tutto su profili giovani quali Grassi (di proprietà del Napoli, ma in prestito all’Atalanta) e Faragò (giocatore in forza al Novara).

In avanti, invece, difficile che possa arrivare qualcuno. Anche perché così come dichiarato dallo stesso Simic il Palermo potrà contare ancora sui gol di Nestorovski. “L’attaccante macedone – dice – mi ricorda tantissimo Inzaghi. Non è facile per un attaccante, soprattutto in Italia, trovare così facilmente la via del gol. Sono sicuro che Inzaghi non si arrabbierà per questo paragone”. Tanti dubbi, con il calciomercato alle porte, ma con un’unica certezza: Ilija Nestorovski.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento