rotate-mobile
Sport

Palermo in Austria senza volti nuovi, Zamparini: "Non ci saranno colpi"

I rosa hanno iniziato a lavorare sul campo in Carinzia. Foschi: "Meno soldi da spendere, il passato è irripetibile". Piace Diego Fagundez, centrocampista uruguaiano

No, stavolta non c'è spazio per sognare. Budget limitato, nessun colpo all'orizzonte e caccia ai giovani per tentare la salvezza. E' un Maurizio Zamparini realista quello che battezza la nuova stagione del Palermo. I rosa si sono ritrovati a Gradisca d'Isonzo per il raduno e già da stamattina hanno iniziato a lavorare sul campo nel solito ritiro austriaco, a Bad Kleinchirkeim, in Carinzia. Si ricomincia dal passato. Il patron ha presentato il nuovo direttore sportivo Rino Foschi, che torna in società a distanza di otto anni esatti, e il consulente per la gestione generale Stefano Pedrelli (anche per lui è un ritorno). E c'è anche Beppe Corti, capo degli osservatori, di nuovo al club di viale del Fante dopo l'esperienza di 10 anni fa. 

"Foschi è il mio direttore - ha spiegato Zamparini - è l'unico direttore vero che ho avuto nella mia carriera. Le basi per una stagione buona ci sono tutte. L'esperienza va a sopperire quella mancanza d'entusiasmo che subentra con l'età. Non ci saranno colpi, ci sarà un mercato fatto con oculatezza da Rino, che conosce il calcio meglio di tutti. Il mio orgoglio è avere collaboratori capaci. A volte il denaro non basta sono convinto che i miei collaboratori faranno un Palermo forte".

Ventotto i giocatori convocati da Ballardini, poco abituato ai ritiri, lui che solitamente è chiamato a salire sui treni in corsa, a stagione già iniziata. Resta da definire ancora la questione Vazquez, in orbita Siviglia. Zamparini però è già proiettato al futuro: "Alla nuova proprietà presenterò uno staff di primo livello. Sono al capolinea come presidente. Non come azionista. Ci sono trattative avviate per una nuova proprietà, sia con l'Oriente che con l'Occidente. Tutte le cordate interpellate, specialmente quella asiatica, vogliono che rimanga per la gestione. Quella americana invece vuole il 100%. Penso di poter chiudere in un mese e mezzo sia per lo stadio che per il centro sportivo anche con l'interesse dei cinesi". 

Si riparte da poche certezze. Nessun volto nuovo, tranne Embalo, appena rientrato dal triplo prestito (Lecce, Carpi e Brescia). Il resto dovrà farlo Foschi. "L'anno scorso è stato un po' particolare - ha detto il nuovo direttore sportivo - Ballardini ha fatto bene tanti anni fa ed è stato confermato. Lui si è salvato e merita la conferma, avendo un contratto in essere. Io ho avuto la possibilità di tornare e lo faccio con entusiasmo. Dimentichiamo il ciclo storico, sono un Foschi più vecchio. Ma senza entusiasmo non si può iniziare un'avventura. Però è vero, sono diminuite le casse, ci sono meno soldi da spendere. Ma il passato è irripetibile".

Sono 5-6 gli acquisti annunciati da Zamparini. Il Palermo intanto corteggia Gyomber e Zukanovic della Roma. Piace sempre De Sanctis, contratto appena scaduto con i giallorossi, ma per il ruolo di secondo portiere sembra in vantaggio Pegolo. A centrocampo si insiste con Gnoukouri, 20 anni, che è anche nel mirino del Bologna. Il nome nuovo è quello di Diego Fagundez, centrocampista offensivo uruguaiano di 21 anni del New England Revolution. Capitolo cessioni: Alastra è stato mandato in prestito a Matera. Goldaniga è richiesto dal Sassuolo, mentre il futuro di Gonzalez è un rebus.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo in Austria senza volti nuovi, Zamparini: "Non ci saranno colpi"

PalermoToday è in caricamento