Stellone è già in bilico, a Palermo si allunga l'ombra di Delio Rossi

Il tecnico romano è sulla graticola dopo il doppio capitombolo con Salernitana e Cremonese. Sarà decisiva la partita col Foggia. Capitolo mercato, i nomi accostati con più insistenza sono quelli di Rohden, Dezi, Barrow e Calaiò

Delio Rossi

Scricchiolano le certezze, trema il primato in classifica e adesso sembra in bilico anche la posizione di Roberto Stellone. A Palermo infatti è già partito il toto-allenatore: ipotesi Delio Rossi, suggestione Mihajlovic. Ma il tecnico romano (che a Palermo ha ottenuto 13 risultati utili consecutivi) avrà ancora un’ultima chance, l’impegno casalingo col Foggia. 

Quattro mesi di buoni risutati sembrerebbero non bastare più a Stellone per poter dormire sonni tranquilli. Le due preoccupanti - quanto inaspettate - sconfitte contro Salernitana e Cremonese con i troppi infortuni rimediati nell’ultimo mese, a questo punto potrebbero anche costare caro al tecnico romano. Che dall’oggi al domani si è così ritrovato a dover preparare l’impegno col Foggia, come un classico appuntamento da dentro o fuori. Non saranno ammessi altri scivoloni, d’altronde, la panchina da queste parti scotta e scotterà sempre.

Circolano già i nomi dei sostituti: mentre Mihajlovic è prossimo a riabbracciare Bologna per subentrare al posto di Inzaghi, Delio Rossi invece valuta attentamente la situazione in casa Palermo. Situazione che riguarda non soltanto il calcio giocato, ma anche e soprattutto le tante vicissitudini societarie. Foschi non avrebbe ancora contattato l’ex tecnico del Palermo, anche perché continua a credere fortemente sul potenziale di questa squadra. 

E proprio Foschi intanto in questi ultimi tre giorni di calciomercato sarà impegnato a Milano per provare quantomeno a portare un solo innesto a una squadra decimata dagli infortuni. Difficile però per il direttore cesenate fare acquisti senza una buona solidità finanziaria alle spalle. Il momento a dir poco travagliato del club di viale del Fante è sotto gli occhi di tutti, ma Foschi, che a Cesena ha lavorato in situazioni ancora più delicate, non è nuovo a circostanze catastrofiche. Dunque ci si potrebbe aspettare di tutto, da un amarissimo gong finale a una magia dell’ultima ora. Perché Foschi è sempre più intenzionato a fare un regalo alla città di Palermo, nulla a che vedere con Gusnnarsson o con altri acquisti targati Richardson e Lee. Il ds del club rosanero cerca un rinforzo che possa realmente fare la differenza e che possa in qualche modo spegnere tutti questi mugugni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rohden, Dezi, Barrow e Calaiò. Sono questi i nomi accostati con più insistenza al Palermo. Per un motivo o per un altro però ognuno sembra avere più di un valido motivo per non approdare in Sicilia. Ingaggi troppo alti, incomprensioni con i tifosi e perfino titubanze sul delicato momento societario. Qualcosa potrebbe muoversi anche in uscita: Fiordilino piace ad Ascoli, Livorno e Cosenza. In stand-by invece le cessioni di Accardi e Ingegneri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

  • "Ho ucciso io quella donna cinque anni fa: le ho stretto una corda al collo per sei minuti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento