Giovedì, 13 Maggio 2021
Sport

Calciomercato Palermo, sfuma Llama Preso solo l'esterno Giorgi

Con l'arrivo dell'esterno Giorgi si conclude il calciomercato dei rosa. Saltate le trattative di Peluso, Ziegler e Mesbah. Risolto il transfer di Dybala. Migliaccio saluta i tifosi

Il vicepresidente Miccichè presenta il nuovo acquisto Giorgi

Si è appena conclusa la sessione estiva di calciomercato ed il timore dei tifosi è adesso realtà. Nessun acquisto di qualità. Le trattative avviate non sono andate in porto. L'esterno Cristian Llama è stato soffiato via dalla Fiorentina, mentre Federico Peluso e Reto Ziegler sono rimasti rispettivamente all'Atalanta e alla Juventus. L'arrivo dell'esterno Luigi Giorgi, proveniente dal Novara a cui è andato in cambio Agon Mehmeti, sancisce la fine del calciomercato rosanero. Ecco il punto sul mercato dei rosa per la stagione 2012/13.

ACQUISTI - Il mercato all'insegna dell'austerità del Palermo vede le acquisizioni dei giovani Viola (Reggina), Dybala (Instituto de Cordoba), Sosa (Cerro Largo), e di giocatori di maggior esperienza come Arevalo Rios (Tijuana), Von Bergen (Genoa), Giorgi (Novara) e Brienza (Siena). Sono rientrati dai prestiti Benussi (Torino), Di Matteo (dal Lecce, ceduto poi a titolo definitivo al Vicenza), Simon (Bari), Kurtic (Varese), Morganella, Garcia e Ujkani (Novara).

CESSIONI - Decisamente più lunga la lista dei giocatori che, in vista della stagione appena iniziata, hanno abbandonato la società sicula. Oltre alle partenze di big e bandiere dei rosa, come Balzaretti (per il quale la Roma ha sborsato 4,5 milioni di euro), Migliaccio (ceduto in prestito oneroso per un milione di euro, con diritto di riscatto fissato a due milioni), Viviano (dopo aver acquisito metà del cartellino dall'Inter, il Palermo lo cede in prestito ai viola fissando il riscatto a 7.5 milioni), Cassani (Fiorentina) e Silvestre (arrivato a Milano, sponda nerazzurra, in prestito oneroso biennale per 2 milioni di euro, con riscatto fissato a 6 milioni di euro) l'elenco prosegue con: Aguirregaray (Wanderers), Gonzalez (Novara), Lanzafame (Catania), Pinilla (Cagliari), Misuraca (Vicenza), Prestia (Ascoli), Darmian (Torino), Struna (Varese), Joao Pedro (Santos), Succi (Cesena), Bacinovic (Verona), Acquah (Parma), Andelkovic (Modena), Melinte (Astra Ploiesti), Della Rocca (Fiorentina), Alvarez (Dinamo Bucarest), Martinez (Genoa), Tzorvas (Genoa), Vazquez (Rayo Vallecano), Mehmeti (Novara), Simon (Szombathelyi Haladás Ungheria), Llores Varela (Botev Vrasta), Di Matteo (Vicenza).

DYBALA IN ROSA - La telenovela Dybala, come assicurato dai dirigenti palermitani nei giorni scorsi, si è conclusa positivamente. L'Instituto de Cordoba ha ufficializzato con una nota l'arrivo del transfer che permetterà all'attaccante argentino di mettersi a completa disposizione di mister Sannino già dalla sfida contro la Lazio.

MIGLIACCIO SALUTA - In un comunicato, pubblicato sul sito della società di viale del Fante, il gladiatore Giulio Migliaccio ringrazia squadra e tifoseria "[…] Sono state stagioni intense, fantastiche, ricche di soddisfazioni e per questo non cancellerei nulla. Nemmeno l'anno della sofferenza che mi ha aiutato a crescere caratterialmente e professionalmente. La decisione che ho preso l'ho maturata a maggio, al termine dell'ultimo campionato. È stata esclusivamente una mia scelta, dettata dall'esigenza di cambiare e provare una nuova esperienza, per ritrovare quella rabbia e quel furore agonistico che mi hanno sempre contraddistinto. Nella mia volontà di cambiare squadra non hanno influito la famiglia - che ama Palermo e che avrebbe voluto continuare a vivere qui - né ragioni economiche. È stata esclusivamente una decisione presa nel rispetto della società, dei tifosi e anche nei confronti di me stesso e del mio lavoro perché tutti voi sapete che - per rendere al massimo - ho bisogno dei giusti stimoli. Motivazioni che a Palermo - dopo aver dato tutto in questi cinque anni - avevo esaurito. Ringrazio il presidente Zamparini per quanto mi ha dato e perché mi ha sempre trattato come un figlio, ringrazio Miccoli come capitano e fuoriclasse per la nostra amicizia e per le gioie che mi ha fatto vivere. Un grazie speciale alla gente per l'amore e l'affetto che mi ha sempre trasmesso e la società perché mi ha fatto sentire a casa. Una mia scelta professionale non cancellerà mai cinque anni di successi e di soddisfazioni. Palermo ed il Palermo resteranno sempre nel mio cuore!"



ECCO GIORGI - Presentato questo pomeriggio in conferenza stampa il nuovo acquisto del Palermo, Luigi Giorgi, esterno arrivato in rosa in cambio di Agon Mehmeti, che si trasferisce alla corte di Attilio Tesser (Novara). Il giovane di belle speranze ritrova due importanti elementi del Siena che nella passata stagione ha conquistato con grande tranquillità la salvezza: Sannino e Brienza. Prima di indossare la maglia rosanero, l'esterno di centrocampo originario di Ascoli Piceno, alto 1.86m per 75 kg, ha giocato con Ascoli, Foligno, Novara e Siena. Di seguito alcuni dei suoi numeri: 22 presenze in serie A (1 rete), 91 in serie B (6 reti), 4 in Coppa Italia con la maglia dell'Ascoli, 2 con il Novara e 1 con il Siena. "Sono un centrocampista duttile, che può giocare sia come esterno alto che come centrale - spiega Giorgi - Ringrazio la società per la stima dimostratami e sono molto contento di ritrovare Franco e Sannino. Spero di poter dare il mio contributo alla squadra per raggiungere gli obiettivi prefissati". L'arrivo di Giorgi ha ricevuto la "benedizione" da un'importante pedina del Palermo di Guidolin che conquistò, al termine della stagione 2003/04, la promozione in serie A: Daniele Di Donato, che avrebbe svelato il trasferimento del compagno, tramite Twitter, alcune ore prima dell'ufficialità da parte della dirigenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calciomercato Palermo, sfuma Llama Preso solo l'esterno Giorgi

PalermoToday è in caricamento