Giovedì, 13 Maggio 2021
Sport

Accordo raggiunto tra Psg e Balzaretti L'importanza di recuperare Mantovani

Il numero 42 avrebbe già trovato l'intesa economica con la squadra dei vecchi compagni Pastore e Sirigu. Mangia deve provare a dar fiducia all'ex Chievo, già da domenica quando il terzino titolare sarà squalificato

Squalificato per un turno Balzaretti, domenica contro la Fiorentina potrebbe toccare a Mantovani. E con la possibile partenza del biondo numero 42 per Parigi sarà un test per il futuro. Titolare con Pioli che lo aveva portato dal Chievo, il difensore torinese è finito nel dimenticatoio con l’avvento di Mangia. Il nuovo allenatore lo ha anche elogiato a parole (“Mantovani si allena benissimo e mi mette in difficoltà”), ma poi coi fatti il mancino ha collezionato soltanto due presenze: uno spezzone col Siena quando Balza è stato espulso, una gara dal primo minuto nella disfatta di Milano. Poi solo panchina.

DA PIOLI A MANGIA. Acquistato per poco meno di 4 milioni, Mantovani avrebbe dovuto essere uno dei punti fermi della formazione guidata da Pioli. E così è stato fino a quando il tecnico ora al Bologna è rimasto in rosanero. Mantovani ha giocato le amichevoli (segnando anche un gol al Siena) e le due partite di Europa League contro il Thun come centrale sinistro della difesa a tre. Cacciato via Pioli, col ritorno della linea a quattro, ha perso il posto. Mangia probabilmente non lo vede come centrale di difesa, Mantovani stesso col Chievo ha quasi sempre occupato la fascia sinistra. E lì è stato impiegato nelle uniche due apparizioni stagionali: 35 minuti nella vittoria casalinga per 2-0 col Siena e, in quel caso, Mantovani ha retto bene insieme a tutta la squadra. Due settimane dopo è crollato insieme ai compagni nel 3-0 di San Siro contro il Milan.

LA SVOLTA. All’arrivo il difensore aveva parlato di Palermo come “svolta per la sua carriera”. Sin qui è stata una svolta in negativo. Eppure dalla sua bocca non è mai uscita una frase polemica. Mantovani si allena regolarmente coi compagni,  il mister lo ha persino elevato a esempio  “perché dà sempre il massimo”, in una conferenza stampa di un paio di mesi fa. Di sicuro, però, il difensore non è nelle condizioni psicologiche ideali. Sarà un caso, ma a bordo del suo fuoristrada è sempre il primo a uscire dal Tenente Onorato dopo gli allenamenti.

ORIZZONTI DI MERCATO. E non è nemmeno sicura una sua cessione a gennaio. Con la possibile partenza di Balzaretti verso Parigi (oggi Le Parisien parla di accordo raggiunto tra il giocatore e la squadra degli ex Pastore e Sirigu), serve a tutti i costi trattenere in rosa un terzino sinistro. Anche per questo, forse a Mangia, adesso conviene cominciare a dar fiducia all’ex clivense. Magari già da domenica contro la Fiorentina, quando il titolare non ci sarà per squalifica. Poi toccherà anche a Mantovani convincere il mister a impiegarlo con maggiore regolarità.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo raggiunto tra Psg e Balzaretti L'importanza di recuperare Mantovani

PalermoToday è in caricamento