rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Calcio

Villabate verso la sfida salvezza contro Castelbuono, Guida: "Faremo di tutto per vincere ma non è decisiva"

I giallorossi, fanalino di coda del girone A di Promozione si preparano al derby contro la terzultima. Il mister: "Periodo complicato, dispiace per i ragazzi che non si meritano questa situazione, faccio mea culpa ma credo fortemente in questo traguardo"

A cinque giornate dalla fine il Villabate, fanalino di coda del girone A di Promozione, entra nella fase più calda del campionato già domenica con la sfida casalinga contro la Supergiovane Castelbuono, terzultima in classifica in zona play-out a cinque punti di distacco. Il tecnico giallorosso Giuseppe Guida è consapevole della posta in palio ma sottolinea che la gara non è necessariamente decisiva.

In prima battuta l'allenatore del Villabate analizza il momento vissuto dalla squadra, reduce da sette sconfitte consecutive, compresa quella di domenica scorsa contro il Fulgatore: "Non è sicuramente un buon momento - afferma a PalermoToday -quando si perde il morale scende e cominciano a venire fuori i fantasmi della retrocessione, la paura di non farcela, viene meno l’autostima, soprattutto da parte dei ragazzi più giovani e con poca esperienza. Purtroppo, non siamo stati fortunati col calendario perché subito dopo la partita di San Vito abbiamo dovuto giocare tutte partite difficili contro Alcamo, Folgore, Casteldaccia ma anche lo stesso Kamarat e Fulgatore. A parte la gara di Alcamo dove abbiamo sbagliato tutto e il secondo tempo contro il Kamarat non ho nulla da rimproverare ai ragazzi: anche domenica abbiamo giocato bene e quel che mi amareggia è pensare che i tre gol ce li siamo fatti noi con due errori del portiere ed un rigore concesso in modo molto stupido".

Il tecnico giallorosso ha fatto poi il punto della situazione in vista della sfida di domenica: "La gara di domenica arriva in un momento difficile - spiega - affrontiamo una squadra che si è rinforzata molto a dicembre: mister Marandano ha fatto un lavoro egregio ed è riuscito a trovare la quadra. Per noi le assenze di D’Ambra e Iemma erano pesanti e lo saranno ancora visto che sono squalificati per due giornate: il gruppo è già giovane senza loro due diventa più complicato. Detto questo nessuna resa: stiamo lavorando come sempre abbiamo fatto, sto dando stimoli e motivazioni alla squadra, io ci credo ancora alla salvezza e sono convinto che possiamo farcela. Spiace per un calendario complicato anche se non è mai mancata la prestazione: dispiace soprattutto per i ragazzi che non stanno lesinando forze e si stanno ritrovano ad affrontare una situazione per cui non sono pronti".

In conclusione il tecnico nel volersi prendere le sue responsabilità sulla situazione della squadra, ribadisce di credere in una salvezza che sarebbe miracolosa: "Mi spiace non aver portato la squadra ad essere in una situazione più tranquilla ed evidentemente ho sbagliato qualcosa anche io: a dicembre forse non siamo stati bravi a rinforzare abbastanza la squadra e quindi faccio mea culpa  Farò comunque di tutto affinché la retrocessione non accada: già domenica faremo una partita in cui ci faremo rispettare e faremo di tutto per vincere. Ho già detto alla dirigenza e lo ripeto anche qui, non credo assolutamente che se dovessimo perdere è finita: una sconfitta ci metterebbe in una situazione di disagio ma la matematica non ci condanna e fino a quando l’aritmetica non mi dirà che siamo retrocessi lotterò e proverò a trovare soluzioni. Se non ci credo io chi ci deve credere? Io mi sono assunto delle responsabilità importanti per questo progetto, non sono pentito, lo rifarei, continuo a lottare e farò di tutto affinché questi ragazzi raggiungano le soddisfazioni che meritano"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villabate verso la sfida salvezza contro Castelbuono, Guida: "Faremo di tutto per vincere ma non è decisiva"

PalermoToday è in caricamento