rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Calcio

Verso Palermo-Turris, Filippi non vuole alibi: “Tante assenze, ma abbiamo organico all’altezza”

Il tecnico rosanero arriva alla sfida di Torre del Greco con gli uomini contati: "Non fa piacere ma non è un dramma”. Sull'avversario: "Squadra propositiva e sfrontata, non dobbiamo essere da meno". Scelte praticamente obbligate in difesa e sulle corsie laterali: in attacco Brunori e Floriano verso la riconferma

Alla sfida contro la Turris, in questo momento uno scontro diretto a tutti gli effetti per rilanciare la candidatura come anti-Bari, il Palermo arriva ancora una volta con gli uomini contati: alle già annunciate defezioni di Marconi, Valente e Accardi e dello squalificato Buttaro si è aggiunta quella di Almici, il cui ritorno in campo è stato giudicato prematuro. Silipo è partito con la squadra ma le sue condizioni restano da valutare. Come già successo nella partita contro il Foggia Giacomo Filippi dovrà fare di necessità virtù per questa trasferta a Torre del Greco in cui l’obiettivo è trovare continuità e, di riflesso, superare il mal di trasferta. La partita, in programma alle 12:30 allo stadio Liguori, è trasmessa sia su Sky Sport al canale 256 che sulla piattaforma Eleven Sports.

Per l’allenatore partinicese la sfida contro i corallini “Non è una partita della verità ma è un test importante perché mi aspetto delle risposte dalla squadra che mi portino a pensare che la squadra è matura e che inizi a capire l’importanza dei tre punti”.  Sulla condizione della squadra: “Stiamo bene fisicamente e mentalmente -ha affermato -dobbiamo dare continuità di prestazione. Sotto l’aspetto degli acciaccati siamo combinati come la partita precedente ma non cambia nulla: ci sono giocatori che sostituiscono gli infortunati forse pure ancora meglio di chi doveva giocare.  Per me gli infortuni non sono un problema: ho una rosa competitiva in cui nessuno fa rimpiangere l’altro”.

Per quanto riguarda il rendimento fuori casa Filippi non ritiene che possa esser dovuto a fattori esterni come la diversità del terreno di gioco: “Non credo che in una partita -ha spiegato - il sintetico possa creare fastidi. Normale che il sintetico sia diverso dal campo naturale ma non è un problema e non deve diventare un alibi, noi dobbiamo fare la prestazione e giocare come sappiamo, togliendoci qualche freno mentale. Dobbiamo ripetere la prestazione di Castellammare, che a me era piaciuta molto, ed essere più precisi nella gestione della squadra ma l’atteggiamento deve essere quello”.

L’allenatore partinicese ha poi espresso le sue considerazioni in merito all’avversario, giudicato in modo lusinghiero: “La trasferta è insidiosa contro un’ottima squadra - ha detto - che mi piace molto, in salute nonostante la sconfitta di Bari. Giocano in maniera sfrontata e senza calcoli, la partita va presa con le molle, noi l’abbiamo preparata bene. Sappiamo che dobbiamo imprimere un atteggiamento forte, quello di una squadra che deve fare punti a tutti i costi”. Su possibili analogie con la partita precedente il tecnico si è così espresso: “Trovo delle analogie tra Turris e Foggia ma anche con noi. Mi piace questo modo di giocare, voglio che la mia squadra sia pronta e preparata nell’essere adeguata a questo atteggiamento degli avversari sapendo che abbiamo le nostre armi a disposizione e che ciò che più conta è la prestazione. Per fare la prestazione bisogna essere concentrati e determinati: questa settimana ho visto la squadra molto bene”.

Filippi si è soffermato anche sui singoli, a cominciare da Silipo: “Silipo sta molto meglio rispetto - ha spiegato - a quanto potesse sembrare, lo staff medico ha lavorato tanto, oggi Andrea ha fatto differenziato ma le sensazioni sono positive. Averlo con noi a disposizione è un’arma in più: valuteremo tra oggi e domani se le migliorie sono più evidenti”. Su Fella: Io sono molto soddisfatto di Fella - ha affermato - gli attaccanti vivono di momenti, ci sono momenti in cui la palla non entra manco con le mani e momenti in cui basta un soffio per segnare. Peppe si allena tanto, da una mano al gruppo, il gol arriverà prima o poi. Deve stare sereno e continuare come sta facendo, il gol verrà da sé”. Sul duo Odjer-De Rose: “Odjer e De Rose è sempre stata una soluzione cui ho pensato - ha detto - magari perdi qualche centimetro ma sono giocatori che possono coesistere pur avendo caratteristiche simili. Contro il Foggia abbiamo avuto risposte positive ma ci sono anche gli altri che stanno bene e per un allenatore avere molta scelta è sempre un bene”.

In merito alla questione infortunati il tecnico rosanero non fa comunque troppi drammi:” Non è una questione di fastidio, sono delle forze che ti vengono a mancare: avere soluzioni in panchina è sempre positivo quando sai che sei limitato subentrano delle difficoltà che un tecnico non vorrebbe avere. Mi piacerebbe avere tutto a disposizione ed essere io l’artefice delle scelte e non gli infortuni: purtroppo ci sono degli acciacchi, spero di avere tutti a disposizione al più presto”

QUI PALERMO

Le scelte per Filippi in vista della sfida contro i corallini sono quasi tutte forzate. In difesa Peretti appare nettamente favorito su Marong per affiancare Lancini e Perrotta: sulle corsie laterali, con il giovane 2003 Mannina come unica alternativa a disposizione, certi del posto Doda e Giron. A centrocampo Odjer rilancia la sua candidatura a fianco di capitan De Rose dopo le ultime buone prestazioni. Nel reparto avanzato la titolarità di Brunori e Floriano appare come quasi certa: il momento non brillante di Fella e la condizione precaria di Silipo potrebbero aprire degli scenari diversi, dall’inserimento del doppio centravanti con Soleri, al ritorno di Luperini da trequartista incursore come già visto contro il Catanzaro.

QUI TURRIS

La squadra di Bruno Caneo, ex centrocampista del leggendario Palermo che sfiorò la A nel 1982, ha nel suo 3-4-3 che ricorda per certi aspetti quello di Gasperini, la sua certezza consolidata. Per la sfida contro i rosanero la squadra di Torre del Greco dovrà fare a meno di capitan Di Nunzio, squalificato dopo la sfida persa contro il Bari: pronto al suo posto Lorenzini. Per il resto si va verso la conferma dell’11 titolare visto prevalentemente in questo inizio di stagione con il tridente composto da Giannone, Santaniello e Leonetti pronto a creare ancora scompiglio tra le difese avversarie.

Le probabili formazioni

TURRIS (3-4-3): Perina; Esempio, Lorenzini, Manzi; Ghislandi; Franco, Tascone; Varutti; Giannone, Santaniello, Leonetti.

PALERMO (3-4-2-1): Pelagotti; Peretti, Lancini, Perrotta; Doda, De Rose, Odjer, Giron; Floriano, Luperini, Brunori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Palermo-Turris, Filippi non vuole alibi: “Tante assenze, ma abbiamo organico all’altezza”

PalermoToday è in caricamento