rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Calcio

Il Palermo espugna Trieste ma Baldini non si rilassa: "Giovedì dobbiamo giocare come se fossimo sotto nel risultato"

Il tecnico ha sottolineato i meriti della squadra: "Abbiamo avuto un pizzico di fortuna ma il risultato è giusto". Sulla scelta di Massolo: "Nessun caso, l'ho visto bene in allenamento e Pelagotti è rientrato da poco". Floriano fa eco al mister: "Loro possono esaltarsi in queste situazioni, per il ritorno dobbiamo pensare di non aver fatto ancora nulla"

Predica calma Silvio Baldini dopo la vittoria nel match d’andata contro la Triestina, che ha visto i rosanero imporsi per 2-1 con merito ma non senza qualche patema d’animo. Il tecnico rosanero, seppur soddisfatto del risultato finale ha sottolineato più volte l’importanza di non fare calcoli in vista del match di ritorno, dove per passare il turno potrà bastare persino una sconfitta con un gol di scarto.

Baldini ha messo in evidenza il concetto di cui sopra nell’analisi complessiva della gara in cui ha sottolineato i meriti della squadra: “Non siamo tranquilli perché il calcio insegna che bisogna usare la ragione - ha affermato - questa dice che fino a quando abbiamo giocato in un certo modo non abbiamo rischiato niente, quando poi è cambiato il modo di stare in campo, pensando che una partita ha diverse fasi abbiamo avuto un pizzico di fortuna anche se penso che il risultato sia giusto. Vero che hanno fatto gol e avuto delle situazioni ma anche noi sul 2-0 abbiamo avuto situazioni che potevamo sfruttare meglio. Giovedì dobbiamo giocare come sempre, partendo dall’idea che è come se dovessimo noi rimontare due gol”.

Il tecnico rosanero parla poi della capacità di gestione della partita, aspetto in cui la sua squadra è apparsa in difficoltà nel secondo tempo di ieri prendendo come esempio la potenziale futura casa madre del Palermo: “Non esistono formule magiche - ha spiegato - se il City che ha il miglior allenatore al mondo gli ultimi due minuti prende tre gol contro un avversario di livello ma che nella partita d’andata sembrava giocassero al gatto col topo allora è chiaro che non ci sono cose che puoi fare per evitare certe situazioni. Ognuno lavora con la sua esperienza e con le sue competenze ma se mi avessero detto vai a Trieste e vinci 2-1 ci avrei messo la firma. Sapevo che la Triestina ha giocatori di una certa di qualità e si doveva giocare in un certo modo: ci siamo riusciti e siamo andati vicini al terzo gol, poi il calcio è fatto di episodi”.

Baldini non è poi voluto entrare nel merito delle dichiarazioni fatte a fine partita dall'allenatore alabardato Bucchi che ha parlato di risultato bugiardo spiegando poi successivamente cosa si sono detti nell’immediato post-partita: “Un collega è libero di dire quello che vuole - ha affermato - non creo nessuna polemica: mi interessa essere obiettivo con me stesso e pensare alla mia squadra. A lui a fine partita ho detto che ci vediamo giovedì facendogli i complimenti perché la partita è stata emozionante, il pubblico non si è addormentato nel vedere le due squadre, le emozioni ci sono state, è stato un match maschio e vibrante. Giovedì il ritorno sarà nella nostra roccaforte, ma non bisogna dimenticare di essere concentrati, aggressivi, lucidi e dimostrare che abbiamo fare di andare lontano senza farci prendere da calcoli, altrimenti si rischiano brutte figure”.

L’allenatore di Massa ha poi spiegato le ragioni che lo hanno portato a schierare Massolo, risultato decisivo con due interventi importanti nel finale di gara: “Non voglio entrare in una possibile polemica - ha sottolineato - Pelagotti ha avuto l’intervento, è stato una settimana fermo poi si è allenato, sta bene ed è in condizione. Samuele ha fatto il suo percorso nel modo giusto l'ho rivisto con una certa concentrazione: io premio sempre quello che vedo in allenamento non è un avvicendamento. Quando ci sono state delle critiche per Pelagotti l'ho difeso facendolo giocare poi guardo sempre il campo: se Alberto non avesse avuto l'intervento avrebbe continuato a giocare lui. Non è detto che da qui alla fine lo scenario non possa cambiare: qui ognuno ha le sue possibilità ma io le decisioni le prendo in base al lavoro settimanale".

Floriano: “Spero che vengano tanti tifosi giovedì”

Allo stesso modo del tecnico, anche il numero 7 rosanero, mattatore del match con la doppietta decisiva e uscito per crampi al 68’, ha sottolineato a fine partita l’importanza di restare concentrati e di non considerare la pratica come archiviata: “Sappiamo che è una squadra forte con giocatori forti - ha affermato - dobbiamo far finta di partire dallo 0-0. Loro possono esaltarsi in certe situazioni quindi dobbiamo pensare alla nostra partita come se non avessimo fatto niente”.

Floriano ha poi parlato del suo periodo personale, in una seconda parte di stagione che lo ha visto tornare tra i protagonisti della squadra: “Diciamo che anche l’anno scorso avevo conquistato la fiducia del mister - ha detto - e avevo finito bene e così anche quest’anno con l’arrivo di Baldini che mi ha dato fiducia e mi sembra di averla ripagata. Poi quando le partite danno stimoli così esce la parte migliore di me: sono contento, spero che questi gol servano”.

Il fantasista italo-tedesco nello spiegare le sue condizioni fisiche ha poi dato la sua chiave di lettura sul calo della ripresa: “Sto bene fisicamente, ho avuto i crampi - ha spiegato -spero di recuperare per giovedì. Nel secondo tempo il mister non ci ha detto nulla di particolare, non so se ha pesato il fatto di essere fermi da due settimane ma verso la fine forse eravamo un po’ stanchi e abbiamo fatto fatica a star su. Ci sta poi che la Triestina, con le individualità che ha possa metterti in difficoltà”.

Floriano ha infine parlato dell’apporto dei tifosi, esprimendo un auspicio: “Ci aspettiamo tanta gente - ha concluso - speriamo che vengano perché abbiamo bisogno di loro, anche oggi si sono fatti sentire erano in tanti ed è una carica in più per noi. Speriamo di entusiasmarli”

Le altre partite del primo turno

Monopoli-Cesena 1-2

Foggia-Virtus Entella 1-0

Juventus U23-Renate 1-1

Pescara-Feralpi Salò 3-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo espugna Trieste ma Baldini non si rilassa: "Giovedì dobbiamo giocare come se fossimo sotto nel risultato"

PalermoToday è in caricamento