rotate-mobile
Calcio

Perugia-Palermo 3-3, Castori furioso: "Arbitraggi che condizionano le gare a vantaggio dei potenti"

L'allenatore degli umbri schiuma rabbia dopo la rimonta dei rosanero: "Il Palermo è stato tenuto in vita e portato fino in fondo"

Con il Palermo sotto prima per 2-0 e poi per 3-1 a pochi minuti dalla fine, sembrava fatta per il Perugia. La miglior prestazione dell'anno da parte degli umbri non lasciava presagire nulla di diverso, ed invece in qualche modo il Palermo è riuscito in un'impresa che forse nemmeno sperava di raggiungere. Alla fine restano dunque per i perugini soltanto delusione e rabbia per due punti sfumati che potevano rivestire un'importanza incredibile, visti anche gli altri risultati. 

Il tecnico Fabrizio Castori è apparso visibilmente furioso nel dopo partita: "Sono dispiaciuto e arrabbiato - ha detto -. Si è giocata una partita straordinaria specie nel primo tempo. Poi il calcio è fatto anche di casualità e sfortuna. Per non parlare degli arbitraggi che condizionano le gare a vantaggio dei potenti, perché basti vedere la gestione dei cartellini: perché il difensore che ha atterrato Di Carmine lanciato a rete non è stato ammonito? Comunque andare a rimarcare gli errori è troppo riduttivo".

Dopo due della ripresa l'episodio chiave: "Il 3-2 non stava né in cielo e né in terra, normale che qualche problema lo crei. Difficile poi tenere questo ritmo per 90', avevamo gestito bene la gara. Il Palermo è stato tenuto in vita e portato fino in fondo. Se ce la facciamo a tenere la gamba come in questa partita? Bisogna migliorare". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia-Palermo 3-3, Castori furioso: "Arbitraggi che condizionano le gare a vantaggio dei potenti"

PalermoToday è in caricamento